Basket, l'allenatore dell'Orlandina: "Vogliamo arrivare primi" :ilSicilia.it
Messina

I SICILIANI IMPEGNATI NELLA VOLATA PROMOZIONE

Basket, l’allenatore dell’Orlandina: “Vogliamo arrivare primi”

di
12 Aprile 2019

La Benfapp Capo d’Orlando si gioca buona parte della promozione in A1 nel match contro Latina, valevole per il 29°turno della Serie A2 West. Nella conferenza stampa di oggi, tenutasi all’interno del PalaSikeliArchivi di Latina, l’head coach Marco Sidoni è intervenuto per analizzare le caratteristiche del match di domenica: “La chiave rispetto a questa partita è che in una squadra in cui vi sono tantissime bocche  da fuoco, più che la struttura di sistema, sarà importante limitare i loro uno contro uno. Latina è una squadra che produce pallacanestro nei primi secondi delle azioni e noi dobbiamo fermarli, dobbiamo essere aggressivi”.

Latina è stata una delle poche formazioni a sbancare il PalaFantozzi in questa stagione. I laziali tirano in campionato con il 50% da 2 e il 40% da 3, con una media di quasi 90 punti a partita. Lo stesso Sidoni avverte i suoi: “Sono forti, fortissimi, squadra profonda allenata benissimo da Franco Gramenzi. L’ha dimostrato anche per la lungimiranza tattica e la preparazione della gara d’andata“.

Capo d’Orlando può contare d’altra parte su un collettivo in piena autostima e in striscia positiva ormai da quasi tre mesi. Mister Sidoni è consapevole di avere una marcia in più nel rendimento della coppia d’oro Triche-Sparks, quid in più della rosa siciliana: “A Capo d’Orlando stiamo lavorando perché tutti i giocatori possano diventare giocatori di Serie A. Noi li abbiamo resi consapevoli che loro possono fare questo salto. Sarà una partita da vincere di squadra, insieme, ma noi abbiamo dimostrato, a partire da Triche e Parks, i migliori giocatori del campionato, di non essere dieci dita di una mano, ma due pugni che battono insieme“.

I ragazzi dell’Orlandina potranno contare inoltre sui propri sostenitori, i quali si stanno muovendo in massa dalla Sicilia per sostenere i propri ragazzi. A tal proposito, coach Sidoni dichiara: “Latina è un campo difficile. Noi vogliamo arrivare primi, finché non ci dicono che sarà impossibile. Andremo a Latina supportati dai nostri tifosi e questa è una grande vittoria per noi. A Latina daremo tutto, se sarà sufficiente saremo contenti, se non lo sarà guarderemo avanti in maniera positiva come abbiamo sempre fatto“.

Il fischio d’inizio è previsto Domenica alle 18.00. In contemporanea, Roma sarà attesa dal difficile match casalingo contro Scafati. La formazione capitolina viene da tre sconfitte nelle ultime cinque gare e cerca certezze importanti nella volata promozione. Capo d’Orlando d’altro canto, viene da un periodo d’oro e può solo far meglio. I siciliani però non possono permettersi di pensare agli avversari, ma devono focalizzarsi solo su una cosa, vincere.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.