Basket: Ragusa completa il roster, Romeo rimane in biancoverde :ilSicilia.it
Ragusa

LA PLAY ITALO-AUSTRALIANA RIMANE IN TERRA IBLEA

Basket: Ragusa completa il roster, Romeo rimane in biancoverde

di
11 Luglio 2020

La storia d’amore fra Nicole Romeo e la Virtus Eirene Ragusa continua.

L’italo-australiana ha rinnovato la propria permanenza in casa iblea, nonostante alcune sirene di mercato la volessero vicina ad altre big italiane.

La forte play/guardia, con passaporto italo-australiano, completa il roster biancoverde edizione 2020/2021. Romeo, è diventata sin dal suo arrivo una delle beniamine del pubblico ragusano. La giocatrice si è fatta apprezzare per le sue giocate spettacolari, per la sua attitudine a spingere il contropiede e per la precisione nel tiro da tre punti.

Nell’ultima stagione ha viaggiato con 12 punti di media a partita, tirando con il 43% da due, il 40% da tre e l’82% dalla lunetta, raccogliendo 2,5 rimbalzi di media a partita e dispensando quasi 4 assist per gara.

Si completa, dunque, la squadra del prossimo anno. Il roster sarà così composto da Nicole Romeo, Mariella Santucci, Martina Kacerik, Tyaunna Marshall, Chiara Consolini, Marzia Tagliamento, Isabelle Harrison, Awak Kuier, Valeria Trucco e Giuditta Nicolodi.

LE PAROLE DI COACH RECUPIDO

Nicole – dice di lei coach Gianni Recupido – è quel folletto in grado di tirar fuori il colpo di genio e cambiare il corso delle partite in qualsiasi momento. È l’idolo dei tifosi e ci aspettiamo che porti tanto entusiasmo all’ambiente e che riesca a trasmetterlo anche alla squadra. Lo scorso anno è stata la giocatrice che ha giocato più minuti, ma nella prossima stagione dovrà crescere ancora sotto il profilo dell’intensità“.

Abbiamo lavorato insieme per due mezze stagioni, quindi io so cosa lei ci può dare, e lei sa cosa pretendo. Sono certo che questa reciproca conoscenza, unita alle sue grandi qualità, contribuirà a farle disputare una stagione super“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.