Basket: tonfo Ragusa all'over time, Palermo pensa già a Torino :ilSicilia.it
Palermo

il prossimo turno è fondamentale

Basket: tonfo Ragusa all’over time, Palermo pensa già a Torino

di
20 Gennaio 2020

Weekend nero per il basket femminile siciliano. Cadono sia Palermo che Ragusa, sconfitte rispettivamente dall’Umana Reyer Venezia e dalla Virtus Eirene Ragusa. Stesso risultato, ma sensazioni diverse per le formazioni siciliane.

Se, da un lato, la formazione di Santino Coppa può ritenersi soddisfatta dalla prestazione offerta al Taliercio, dall’altra parte le aquile iblee confermano il momento no stagionale che va avanti dalla sfida contro Empoli. Adesso Schio è avanti in classifica e il big match del Palaminardi di sabato prossimo diventa fondamentale.

RAGUSA CADE A BOLOGNA

La Virtus Eirene Ragusa cede il passo alla Segafredo Bologna all’over time, con il punteggio di 85-84. Fatale l’errore di Nicole Romeo nei secondi finali, che ha aperto le strade della vittoria alle emiliane.

Eppure le aquile iblee erano partite bene nei primi dei quarti, dimostrando sicurezza ed allungando anche sul +10 di massimo vantaggio. Poi si sono rivisti i soliti cali di tensione dell’ultimo periodo, con le percentuali che si sono abbassate improvvisamente e con Bologna che è tornata prepotentemente sotto.

La formazione di coach Liberalotto è passata addirittura avanti, trascinata da una monumentale Harrison (30 punti a referto per lei). Hamby riesce a metterci una pezza sul fil di sirena, trascinando l’incontro all’over time. Poi la Passalacqua conclude la frittata, lasciando punti e partita.

Adesso la sfida contro Schio diventa ancora più decisiva, visto che le venete hanno vinto agilmente contro la Iren Fixi Torino e sono passate avanti in classifica. La sensazione è che la Famila abbia fatto un gran mercato, vista anche la grande prestazione del neoacquisto Leonor Rodriguez (33 punti nella sfida di ieri).

Con Ibekwe e Kacerik ancora fuori, l’arrivo della sola Tagliamento potrebbe non bastare, visto anche il momento no di Nicolodi e Gatti.

LE PAROLE DI RECUPIDO

Gianni Recupido, coach Passalacqua Ragusa
Gianni Recupido

A sottolineare il momento no dell Virtus Eirene Ragusa è il coach Gianni Recupido, che dichiara: “Intanto complimenti a Bologna che ha disputato una grandissima gara. Noi purtroppo non abbiamo invece giocato una buona partita, e lo dimostra l’elevato numero di palle perse, ma anche la scarsa percentuale da tre che non significa solo serata storta al tiro ma anche cattiva costruzione dei tiri stessi”.

Spesso abbiamo fermato la palla, non abbiamo avuto fluidità e non siamo stati capaci di costruire tiri come di solito facciamo – sottolinea il tecnico ibleo -. Abbiamo messo poco la palla dentro e mosso con difficoltà la palla per linee esterne, e da questo sono nate le cattive percentuali. Piuttosto che analizzare i singoli episodi, il mio compito è quello di valutare perché siamo andati in difficoltà e valutare perché abbiamo concesso 73 punti dopo i tempi regolamentari e 85 dopo il supplementare“.

Posso contare su un roster in cui possiamo alzare o abbassare il quintetto e dobbiamo concentrarci su come rendere più fluido il nostro sistema offensivo e più sicuro il sistema difensivo così come era stato fino a qualche settimana fa. Abbiamo tanto da riflettere e tanto da migliorare“, conclude Recupido.

PALERMO CEDE IL PASSO A VENEZIA

Arriva la sconfitta anche per la SBC Palermo, superata dalla Umana Reyer Venezia.

La compagine di coach Ticchi supera brillantemente la disfatta di Eurolega, nonostante una grande opposizione da parte delle palermitane. Ottima prestazione di Shayla Cooper (30 punti per lei) e di Laia Flores Costa, sempre coinvolta nel gioco del team siciliano.

Parte forte Venezia in attacco con De Pretto e le triple di Anderson e Carangelo a sfruttare anche l’inizio poco attento delle palermitane.

Le ragazze di Santino Coppa hanno dovuto far a meno di Russo (in panchina nonostante la febbre), situazione aggravata da una El Habbab a mezzo servizio. Cooper e Flores mettono a segno i primi punti di Palermo, che però continua a concedere troppi rimbalzi offensivi.

Miccio interrompe con la prima tripla della sua gara un parziale di 9-0 della Reyer, ma è Cooper a fare le cose migliori per la SBC, con 13 punti personali sui 18 complessivi messi a segno dalle sue nei primi 10′.

Anche nel secondo periodo, la SBC sembra forzare troppo offensivamente, cercando soluzioni veloci anziché la costruzione offensiva. Tutto l’opposto di Venezia che con i tiri pesanti di Anderson e Penna ricacciano indietro le siciliane, gravate anche dai 3 falli ciascuno per Verona e Gatling. All’intervallo le due squadre vanno sul 40-29 in favore delle lagunari.

PALERMO CI PROVA, MA MACCHI CHIUDE LA PORTA

Il rientro in campo, per entrambe, non è esaltante.

La zona di coach Coppa limita di molto le tiratrici scelte di Venezia, ma la sterilità offensiva di Gatling si fa sentire. Ancora una volta è Liliana Miccio a scuotere le sue con la bomba del -10 al 28′, seguita da quella di una scatenata Cooper.

Il vento del match sembra soffiare a favore delle ragazze di coach Coppa. Un’ispiratissima Flores (12 punti e 4 assist alla fine) e la solita Cooper rimettono in corsa la SBC, fino a toccare il -4 al 34′ (59-55).

Venezia vacilla , ma è l’esperienza di Chicca Macchi a riportare il sereno con 7 punti di fila. La SBC forza nel tentativo di rientrare nuovamente in partita, ma non riuscirà ad avvicinarsi più alla Reyer che con il coast to coast di De Pretto chiude di fatto il match, prima del punto esclamativo di Cooper al suo pomeriggio lagunare.

Per la formazione siciliana la testa è già rivolta al match di domenica prossima in quel di Torino. All’andata è stata la SBC a prevalere, anche se sul filo di lana. La sensazione è che la gara di ritorno sarà più tirata, anzi, forse una delle più tirate di tutta la stagione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.