Basket, "Trofeo Città di Palermo": Ragusa continua a crescere, ecco le voci dei protagonisti :ilSicilia.it
Ragusa

OGGI LA FINALE CONTRO SCHIO

Basket, “Trofeo Città di Palermo”: Ragusa continua a crescere, ecco le voci dei protagonisti

22 Settembre 2019

Dopo la vittoria conseguita nella semifinale contro Galatasaray, in casa Ragusa si inizia a respirare aria di entusiasmo. Gianni Recupido, coach della Virtus Eirene, si è detto soddisfatto della prestazione delle sue ragazze: “Una buona prova, un atteggiamento aggressivo così come deve essere. Abbiamo avuto buone indicazione dal primo e dal terzo quarto. Al Galatasaray mancavano elementi importanti, il risultato lascia il tempo che trova, ma il giudizio sulla partita è sicuramente positivo“.

Gianni Recupido, coach Passalacqua Ragusa
Gianni Recupido

Buona prestazione anche di Ashley Walker, nuovo arrivo in casa Passalacqua. L’americana ha fatto vedere cose importanti nei primi due quarti, salvo poi calare fisicamente nella seconda parte di gara, complice una condizione fisica ancora da ricercare: “Ashley ha fatto solo una settimana di preparazione, siamo in fase di carico in questo momento. Sappiamo dell’intelligenza tattica della Walker, sarà una giocatrice più reattiva e più rapida fra un mesetto, ma già oggi ha fatto vedere la sua classe“.

La squadra di coach Recupido ha dimostrato un evidente crescita sotto il profilo del gioco, con un feeling fra le ragazzze che va crescendo giorno dopo giorno. “La cosa difficile è proprio quella, mettere insieme le diverse personalità e questo lo vedremo quando ci saranno tutte le ragazze. Quest’anno c’è buona predisposizione da parte di tutte per fare bene in questa stagione“.

La prestazione di Ify Ibekwe è la ciliegina sulla torta del momento positivo della Passalacqua, in attesa del rientro di Daerica Hamby dagli Stati Uniti. Buona la prova di Nicole Romeo, la grande scoperta della Virtus Eirene nella scorsa stagione. La playmaker ragusana si è dimostrata un elemento decisivo nella sfida di ieri, palesando una crescita dal punto di vista mentale e dispensando palloni illuminanti per le compagne di squadra.

Proprio la giocatrice italia-australiana, al termine della gara contro Galatasaray, ha sottolineato il momento positivo delle aquile: “Il team che è stato messo insieme quest’anno è molto esaltante. Chiaramente siamo ancora nel pre-campionato, stiamo incominciando a conoscerci, affinando i meccanismi difensivi ed offensivi. Ma inizio a guardare al futuro, ai talenti che abbiamo in squadra“.

Sulla stagione che verrà, Nicole Romeo ha già le idee chiare: “Penso che l’obiettivo quest’anno sia portare il titolo a Ragusa o comunque provarci fino alla fine. Abbiamo aumentato molto anche la pressione in difesa, visto che abbiamo una panchina più lunga. Puoi andare in campo, dare il 100% e sai che chi entra dopo di te potrà dare lo stesso contributo alla squadra. Siamo qui per gareggiare e per portare Ragusa ad un altro livello“.

La finale di oggi contro la Famila Schio rappresenterà sicuramente un ottimo banco di prova per le ambizioni della Virtus Eirene. Palla a due alle ore 16:00 al Palamangano di Palermo.

Basket, Trofeo Città di Palermo: Virtus Eirene Ragusa e Famila Schio in finale | FOTO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.