Basket: Virtus irriconoscibile, Venezia passeggia contro Ragusa :ilSicilia.it
Ragusa

LA PASSALACQUA BATTUTA IN CASA 68-53

Basket: Virtus irriconoscibile, Venezia passeggia contro Ragusa

di
19 Aprile 2019

La Virtus Eirene Ragusa cade di nuovo in trasferta contro la Umana Reyer Venezia per 68-53. Le venete si aggiudicano il match di gara due e si portano sul 2-0 nella serie. Le ragazze ragusane sono apparse troppo scollegate e senza un redditizio gioco di squadra. La Harmon ci ha provato in tutti i modi a tenere aperta la partita, portando le sue compagne anche a -2 da Venezia in alcuni frangenti della partita, ma non è stata sostenuta dalle sue compagne di squadra. Brutta prestazione per la Kuster e la Humby, con rispettivamente 6 e 5 punti dal campo, mentre onora il campo Nicole Romeo, con otto punti a referto.

Le siciliane sono sembrate in grado di limitare Steinberga, devastante all’andata, ma non hanno fatto i conti con Lara Sanders, incontenibile nel primo quarto con cinque rimbalzi e una serie di punti decisivi nell’economia della gara. La Sanders chiuderà il match con quattordici punti totali, i quali fanno il paio con i dodici della Kacerik, autrice di una partita straordinaria. La Reyer ha difeso complessivamente bene ma è stata in grado di alzare i ritmi nei momenti decisivi della partita, mettendo Ragusa in grossa difficoltà.

Nel lunedì di Pasquetta la Virtus Eirene avrà l’arduo compito di tenere aperti i giochi per la finale scudetto. Ribaltare l’andamento di gara uno ma soprattutto di gara due non sarà facile, ma le ragazze di Ragusa hanno tutte le carte in regole per farlo. Coach Recupido dovrà lavorare molto sulla testa delle ragazze, più che sulle gambe. Bisogna recuperare la dimensione di squadra che ha contraddistinto in questi anni le ragazze della Virtus. Appuntamento al PalaMinardi lunedì 22 Aprile per gare tre.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.