Battaglia verbale Musumeci-Pd. Il governatore: "Abbiamo toccato un nervo scoperto" :ilSicilia.it

Affondo del presidente della Regione

Battaglia verbale Musumeci-Pd. Il governatore: “Abbiamo toccato un nervo scoperto”

29 Dicembre 2018

Le dichiarazioni di Cracolici?… Abbiamo toccato il nervo scoperto“. Il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci replica così alle affermazioni dell’ex assessore regionale all’Agricoltura e parlamentare regionale del Partito Democratico, che durante una conferenza stampa del gruppo del Pd all’Ars aveva duramente attaccato il governatore.

L’esponente dem era stato il più duro tra i suoi ad attaccare Musumeci, ‘reo‘, di avere parlato di trattative sul collegato alla finanziaria regionale e dell’esistenza di due Pd a Palazzo dei Normanni, affermazioni smentite dal gruppo parlamentare di Sala d’Ercole Poi, quando parla del bilancio di fine anno del suo governo, i toni si fanno più ficcanti: “Un fatturato sostanzialmente positivo e con buoni auspici per il futuro, nonostante cornacchie svolazzanti, nonostante i due Pd e le ire di qualche trombone che vuol farsi dimenticare“, afferma il governatore, ribadendo esplicitamente l’esistenza di due fazioni interne ai democratici.

Ma nonostante l’attacco al gruppo guidato da Giuseppe Lupo, Musumeci non vede nemmeno grossi ostacoli nei numeri, che all’Ars non gli sorridono: “Siamo assolutamente convinti che la coalizione di maggioranza e l’opposizione debbano lavorare insieme. Sarà sufficiente che l’opposizione faccia il suo lavoro“, ha detto.

Sull’approvazione dell’esercizio provvisorio da parte dell’Ars, Musumeci non vede marce indietro da parte del governo regionale e rilancia la tesi di Armao di un atto adottato in via cautelativa: “Lasciatemi esprimere sincera soddisfazione per il fatto che dopo qualche decennio è arrivato in Aula prima del Natale, non succedeva da 22 anni. Di solito si faceva a fine marzo o inizio di aprile“.

LEGGI ANCHE:

Ars, il Pd smentisce Musumeci: “Mai parlato di intese sul collegato, nostro gruppo unito”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.