Battiato, Musumeci: "Da assessore andò via perché capì che quello non era il suo mondo" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

La dichiarazione del governatore della Sicilia

Battiato, Musumeci: “Da assessore andò via perché capì che quello non era il suo mondo”

di
18 Maggio 2021

L’esperienza di Franco Battiato come assessore regionale? “Tutto al contrario di quello che poteva essere...”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, in collegamento con RaiNews24, commentando la scomparsa del ‘maestro’.
Un uomo straordinario come lui – ha evidenziato – nella vita non aveva mai perso occasione per contestare e criticare il potere costituito, il potere senza doveri. Lui e’ stato assessore solo per qualche mese, chiamato dal precedente Governo. E poi e’ scappato via perche’ ha capito che quello non era il suo mondo, non era il suo contesto, non sapeva adattarsi. Voleva continuare ad esprimere la propria liberta’ di pensiero e sapeva di non poterlo fare del tutto, obbedendo alle logiche istituzionali e che la politica a volte impone”.

Proporro’ nelle prossime ore alla sua famiglia di potere traslare le spoglie del ‘maestro’ in quello che e’ il Pantheon dei grandi siciliani. Parlo della Chiesa di San Domenico, a Palermo…“, ha aggiunto.

“Sarebbe davvero un omaggio dovuto – ha concluso Musumeci – da parte della Sicilia per un uomo che, forse, senza volerlo ha reso grande la sua terra. Una terra costretta troppo spesso a combattere da retroguardia e che, invece, ha espresso con Franco Battiato un testimonianza di alta levatura”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin