Belìce, Mattarella alla celebrazione per i 50 anni dal terremoto: "Fiducia nel futuro" :ilSicilia.it
Trapani

Consegnate le "targhe alla memoria"

Belìce, Mattarella alla celebrazione per i 50 anni dal terremoto: “Fiducia nel futuro”

di
14 Gennaio 2018

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha aperto a Partanna le celebrazioni per i 50 anni del terremoto che ha devastato il Belìce.

Durante la cerimonia, momenti toccanti quando sono state consegnate le “targhe alla memoria” a coloro che si distinsero in occasione del tragico sisma per l’aiuto prestato alle popolazioni terremotate.

Ricordati i quattro vigili del fuoco Giuliano Carturan, Savio Semprini, Alessio Mauceri e Giovanni Nuccio; l’appuntato dei Carabinieri Nicolò Cannella.

Una terza targa alla memoria di Don Antonio Riboldi è stata consegnata al vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero: “Si sentiva uno di noi pur essendo un uomo del Nord, si è fatto nostro fratello e nostra voce in tutto”, ricorda Mogavero.

Riconoscimento anche a Ivo Soncini, il vigile del fuoco che per primo soccorse ed estrasse dalle macerie Eleonora Di Girolamo, la piccola “cudduredda” che morì alcune giorni dopo il salvataggio.

Dopo la serenata “Cocciu d’Amuri” di Lello Analfino “dedicata alla Sicilia, di cui siamo innamorati”, l’attore napoletano Alessandro Preziosi ha letto alcuni frammenti del monologo “Nel ricordo della Valle del Belice”. Mezzo secolo dopo, un modo per non dimenticare e guardare al futuro.

Mattarella è stato accolto tra gli applausi dentro e fuori l’Auditorium “Giacomo Leggio” della cittadina trapanese.Non possiamo non ricordare che allo Stato e al Governo che il Belice è ancora creditore, come ha anche accertato l’ultima Commissione bicamerale sulle questioni della ricostruzione nel 1996, in cui si dà atto del fallimento dell’intervento dello Stato – ha detto – non è più rinviabile la necessità che le istituzioni onorino il loro debito. Noi vogliamo costruire bellezza”.

Un monito a completare la ricostruzione è venuto dal presidente della Regione, Nello Musumeci, una ricostruzione “iniziata tardi e male” che certifica “un parziale fallimento” dello Stato.

“E’ sempre triste dover parlare nella commemorazione degli eventi, specie quando la forza della natura devasta territori e miete centinaia di vittime sconvolgendo decine di comunita’ha detto Musumeci -. Significa riaccendere in molti tra voi emozioni e commozioni, sentimenti di dolore provati e vissuti in quelle tragiche notti. Riaffiorano oggi nella mia mente le sensazioni che provai allora, da studente di terza media, quando nell’altra parte dell’Isola la tv ci consegnava le prime immagini di paesi ridotti in macerie, del pianto dei sopravvissuti, dei generosi soccorritori che scavavano nel fango”.

“I sindaci sono il riferimento primo delle nostre comunità che compongono il nostro Paese – ha detto Mattarella -. Nei giorni scorsi alcuni sindaci del Belìce hanno detto: stiamo costruendo il futuro. Questa affermazione non e’ soltanto un messaggio di rassicurazione ma manifesta orgoglio protagonista, determinazione per lo sviluppo della vita di queste comunità, convinzione di poter superare, con il necessario sostegno della comunità nazionale, le difficoltà che rimangono nel presente. Quelle parole manifestano ragionevole, fondata fiducia nel futuro. Questa zona ha sollecitato l’intero Paese, per più aspetti a rinnovarsi”.

Ad ascoltare l’intervento del capo dello Stato, tra gli altri, il ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, gli assessori regionali Roberto Lagalla (Formazione) e Vittorio Sgarbi (Beni culturali), il senatore di Forza Italia, Renato Schifani, il capogruppo del Pd all’Ars, Giuseppe Lupo, il presidente di AnciSicilia e sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin