Bellolampo, Figuccia attacca Orlando: "Non c'è più trippa per gatti" :ilSicilia.it

IL DEPUTATO DELL'UDC SI SCAGLIA CONTRO IL SINDACO

Bellolampo, Figuccia attacca Orlando: “Non c’è più trippa per gatti”

13 Dicembre 2019

Vincenzo Figuccia, deputato dell’Udc all’Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia, attacca il sindaco di Palermo Leoluca Orlando sul tema dell’emergenza rifiuti e sulla situazione della discarica di Bellolampo.

Orlando continua a passare con il cappello davanti ai palazzi regionali per elemosinare sostanze che mamma regione non può continuare a foraggiare per sostenere Bellolampo – sottolinea Figuccia -.  Condivido pienamente le affermazioni del vicepresidente dell’Ars Roberto Mauro secondo il quale questi 7 milioni di euro non possono essere stanziati semplicemente perché trattasi di una dotazione finanziaria insostenibile”.

Vincenzo Figuccia

Si continua – denuncia il parlamentare – a fare orecchie da marcante davanti ad all’evidenza lapalissiana di una discarica stracolma che ammorba la città e che va dismessa subito. È davvero un’assurdità che si continui a sostenere una logica emergenziale che mette al centro il sistema discarica e l’indifferenziato“.

Dobbiamo puntare – prosegue Figuccia – su sistemi alternativi moderni ed ecosostenibili per lo smaltimento dei rifiuti. E invece è sotto gli occhi di tutti come l’azione dell’amministrazione comunale sia diametralmente opposta e guarda già all’emergenza dei rifiuti per strada che si paventa all’indomani delle festività natalizie“.

Usque tandem abutere, Orlando, patientia nostra? I palermitani sono insofferenti di fronte a tanta arroganza e a tanta ipocrisia, soprattutto quelli che la notte respirano da sessant’anni i veleni che dalla discarica si spingono fino alle loro abitazioni. Al primo cittadino di Palermo voglio dire – conclude – che non c’è più trippa per gatti“.

Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Che Vuoi che Sia?

Basta che uno di questi missili venga lanciato “per errore”, che questi giocatori di Risiko non da tavolo, ma con le vite altrui, sbaglino ………. e un missile giunga su di noi, “finiu u cinema”!