Bellolampo, la mazzetta in diretta: in arresto il direttore tecnico della discarica :ilSicilia.it
Palermo

In manette sono finite altre due persone

Bellolampo, la mazzetta in diretta: in arresto il direttore tecnico della discarica

di
7 Agosto 2020

La Direzione investigativa antimafia di Palermo, coordinata dal II Reparto-Investigazioni giudiziarie e d’intesa con la locale Procura distrettuale ha arrestato in flagranza per corruzione aggravata tre persone: Emanuele Gaetano Caruso, 53enne, originario di Paternò (Catania), imprenditore con interessi nel settore dei rifiuti; Daniela Pisasale, 45enne di Siracusa, residente a Catania, titolare di diverse società operanti nel campo del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti (rappresentante della Realizzazioni e Montaggi e amministratore unico della Ecoambiente Italia, entrambe con sede a Siracusa); Vincenzo Bonanno, 62enne di Palermo, residente a Carini, direttore tecnico per la discarica di Bellolampo, definita dalla Commissione antimafia regionale “simbolo della crisi rifiuti in Sicilia”, gestita dalla Rap, società partecipata del Comune, che si occupa della lavorazione dei rifiuti solidi urbani provenienti da Palermo e Ustica.

Gli investigatori della Dia, a conclusione di un prolungato servizio di osservazione e pedinamento hanno sorpreso Caruso mentre consegnava a Bonanno una busta contenente 5.000 euro in contanti. Una successiva perquisizione ha consentito di rinvenire, all’interno di un’auto, altri 13.250 euro. L’intera somma di denaro è stata sequestrata. Gli arrestati sono stati condotti in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria. “L’operazione – evidenziano gli inquirenti – rientra in una più ampia indagine, condotta dalla Dia, con il coordinamento della locale Direzione Distrettuale Antimafia, diretta ad esplorare i concreti interessi della criminalità organizzata di stampo mafioso nel ciclo dei rifiuti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.