Bellolampo, rifiuti ingombranti e tanto altro nella discarica. Norata: "Mettete nei cassonetti solo quelli domestici" :ilSicilia.it

la dichiarazione del presidente Rap

Bellolampo, rifiuti ingombranti e tanto altro nella discarica. Norata: “Mettete nei cassonetti solo quelli domestici”

di
28 Novembre 2020

Materassi matrimoniali, frigoriferi pieni di copertoni, motorini, autoclavi, sportelli, parti di auto e anche un’urna cineraria. Questo quello che hanno trovato gli addetti della Rap tra i rifiuti giunti nella discarica palermitana di Bellolampo. Rifiuti che, prima di essere inseriti nel TMB (impianto di trattamento meccanico biologico) devono essere selezionati manualmente dagli operatori. Un processo che per ovvie ragioni rallenta e complica di parecchio il lavoro per riuscire a smaltire il tutto. “La grave emergenza sanitaria che siamo vivendo in città – spiega il presidente della Rap, Giuseppe Norata ci costringe, ancora una volta, a rivedere i percorsi organizzativi e lavorativi di tutta la filiera, compresa l’attivita’ di cernita manuale che viene fatta a Bellolampo e che abbiamo dovuto incentivare perché continuano ad arrivare grosse quantità di rifiuti non pertinenti con i rifiuti domestici“.

Ingombranti di tutti i tipi che arrivando a Bellolampo rallentano in maniera vertiginosa l’operatività dell’impianto, e di fatto – prosegue Norata – non consentono di lavorare le quantità di rifiuti che giornalmente raccogliamo nella città di Palermo“.  Una situazione che va ad aggiungersi alle difficoltà di trovare delle aree dove conferire i rifiuti a livello regionale: “Pertanto è opportuno invitare ognuno, per le proprie competenze, a fare la sua parte cominciando da casa e mettendo nei cassonetti solo i rifiuti domestici – dice NorataQuesto ci consente di recuperare quanto prima l’emergenza sanitaria per mancanza di impianti in tutta la regione siciliana. Il sindaco di Bagheria mi ha chiamato per chiedere aiuto alla città di Palermo, ma già noi soffriamo di nostro e abbiamo bisogno anche noi della collaborazione di tutti i cittadini per migliorare la vivibilità della città“.

Immagini a cui si stenta a credere, nonostante in passato episodi di “strani” rifiuti finiti fra i cassonetti ce ne sono stati parecchi, dalla capra viva del 2015 alla granata del 2018. “E’ una grave emergenza regionale – sottolinea Sergio Marino, assessore ai rapporti funzionali con Reset, Rap e Srr del Comune di Palermo -.
L’impossibilità di reperimento di siti regionali dove conferire i rifiuti trattati ha determinato un blocco dell’impianto, però oggi la Rap è impegnata per superare tale difficoltà, il Tmb funziona regolarmente. Invitiamo la gente, i cittadini ad effettuare una raccolta differenziata corretta perché sicuramente questo contribuirà al miglior funzionamento dell’impianto

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin