Beni confiscati, Sicilia prima per assegnazioni mancate: seimila immobili 'senza padroni' :ilSicilia.it

Sul territorio nazionale sono in tutto 17.387

Beni confiscati, Sicilia prima per assegnazioni mancate: seimila immobili ‘senza padroni’

di
27 Novembre 2018

La Sicilia è la prima regione d’Italia per immobili sequestrati e confiscati alla mafia non ancora assegnati. Nell’Isola sono quasi seimila, secondo i calcoli di Libera, l’associazione che fa capo a Don Ciotti, che per la precisione ne ha contati 5.812 . Case, uffici, terreni che non hanno un proprietario e che restano, dunque, improduttivi.

La fetta di beni sequestrati e confiscati che non sono ancora stati assegnati in Sicilia, inoltre, è abbastanza grossa anche rispetto all’intera ‘torta’ del territorio nazionale che conta in tutto 17.387. La regione, infatti, distanzia di gran lunga le altre dello Stivale: a seguire in questa particolare classifica, a quota 2.465 beni troviamo la Campania, a 2.028 la Calabria. Poi la Lombardia, con 1.798 beni non assegnati, il Lazio con 1.268, la Puglia con 1.038 e il Piemonte a quota 770.

Una fotografia che definisce uno spaccato della diversificazione dell’economia criminale nel territorio nazionale. Se non stupisce, infatti, trovare ai primi posti regioni dove la criminalità organizzata ha una storia radicata nei decenni, più inquietante è trovare in alto alla classifica regioni come la Lombardia o il Piemonte.

Libera esprime preoccupazione sull’ipotesi di gestione dei beni confiscati prevista nel decreto sicurezza. Per chiedere al Parlamento e al Governo di fermarsi e rivedere il Decreto sicurezza, aprendosi al confronto e al dibattito, l’associazione, insieme con Anpi, Acli, Arci, Avviso Pubblico, Legambiente, Cgil, Cisl, Uil, Link Coordinamento universitario, Unione degli Studenti e Rete della Conoscenza hanno manifestato ieri a Piazza Santi Apostoli, organizzando un presidio pubblico.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.