Beni confiscati, Sicilia prima per assegnazioni mancate: seimila immobili 'senza padroni' :ilSicilia.it

Sul territorio nazionale sono in tutto 17.387

Beni confiscati, Sicilia prima per assegnazioni mancate: seimila immobili ‘senza padroni’

di
27 Novembre 2018

La Sicilia è la prima regione d’Italia per immobili sequestrati e confiscati alla mafia non ancora assegnati. Nell’Isola sono quasi seimila, secondo i calcoli di Libera, l’associazione che fa capo a Don Ciotti, che per la precisione ne ha contati 5.812 . Case, uffici, terreni che non hanno un proprietario e che restano, dunque, improduttivi.

La fetta di beni sequestrati e confiscati che non sono ancora stati assegnati in Sicilia, inoltre, è abbastanza grossa anche rispetto all’intera ‘torta’ del territorio nazionale che conta in tutto 17.387. La regione, infatti, distanzia di gran lunga le altre dello Stivale: a seguire in questa particolare classifica, a quota 2.465 beni troviamo la Campania, a 2.028 la Calabria. Poi la Lombardia, con 1.798 beni non assegnati, il Lazio con 1.268, la Puglia con 1.038 e il Piemonte a quota 770.

Una fotografia che definisce uno spaccato della diversificazione dell’economia criminale nel territorio nazionale. Se non stupisce, infatti, trovare ai primi posti regioni dove la criminalità organizzata ha una storia radicata nei decenni, più inquietante è trovare in alto alla classifica regioni come la Lombardia o il Piemonte.

Libera esprime preoccupazione sull’ipotesi di gestione dei beni confiscati prevista nel decreto sicurezza. Per chiedere al Parlamento e al Governo di fermarsi e rivedere il Decreto sicurezza, aprendosi al confronto e al dibattito, l’associazione, insieme con Anpi, Acli, Arci, Avviso Pubblico, Legambiente, Cgil, Cisl, Uil, Link Coordinamento universitario, Unione degli Studenti e Rete della Conoscenza hanno manifestato ieri a Piazza Santi Apostoli, organizzando un presidio pubblico.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin