Beni culturali, a Palermo un bene confiscato alla mafia diventa front office | VIDEO :ilSicilia.it

Il commento dell'assessore Samonà

Beni culturali, a Palermo un bene confiscato alla mafia diventa front office | VIDEO

di
30 Dicembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Un bene confiscato alla mafia, che si trova a Palermo in Piazza Giovanni Amendola n. 16 ad angolo con la via Paolo Paternostro, da oggi sarà il Front-office del Dipartimento regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana.

All’inaugurazione, che si è svolta questa mattina in forma contenuta a causa delle procedure anti-Covid, erano presenti l’Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, il dirigente generale del Dipartimento, Sergio Alessandro e la Direttrice del Centro Regionale del Catalogo, Selima Giuliano.

Il nuovo sito – che da gennaio sarà aperto al pubblico dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 15.00, fornirà agli utenti informazioni sugli orari di apertura dei siti regionali della cultura – sulle mostre in corso, sugli eventi programmati e, in generale, su ogni attività di valorizzazione e fruizione del patrimonio regionale che coinvolga, a qualsiasi titolo, l’assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

“L’idea di un luogo destinato a informare la popolazione su iniziative culturali – sottolinea l’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – è un segnale molto forte e importante per affermare il valore della legalità e della bellezza come deterrente contro ogni forma di violenza e sopruso. Il Governo Musumeci è già da tempo impegnato nel contrasto all’illegalità, sia attraverso l’azione politico-amministrativa rigorosa e attenta sia, anche, con l’acquisizione di luoghi simbolo appartenuti alla mafia, per restituirli al pubblico utilizzo in una simbolica forma di riscatto. È di pochi giorni fa, infatti, – sottolinea aggiunge Samonà – l’acquisizione da parte della Regione del Casolare dove è stato ucciso Peppino Impastato, simbolo di contrasto alla mafia, per destinarlo ad attività di interesse pubblico”.

L’immobile di piazza Amendola, costituito da tre ambienti di cui uno soppalcato e caratterizzato da tre ampie vetrine, faceva parte del patrimonio appartenuto al mafioso Antonino Cinà ed era stato assegnato dall’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati alla Regione Siciliana per finalità di interesse pubblico, secondo le previsioni del Dlgs. n. 159 del 2011.

La richiesta di attribuzione all’Assessorato dei Beni Culturali è partita dal Dirigente generale del Dipartimento dei Beni Culturali, Sergio Alessandro che lo ha consegnato al CRICD, il Centro Regionale per l’Inventario, la Catalogazione e la Documentazione della Regione Siciliana, che ha curato il progetto di valorizzazione dell’immobile secondo le direttive assegnate.

Le vetrine, allestite con monitor e sistemi digitali avanzati, proietteranno all’esterno immagini e filmati selezionati dalla vasta documentazione del patrimonio culturale siciliano appartenenti all’archivio del Centro Regionale Catalogo.

Gli interessati anche potranno richiedere la consultazione di testi e del materiale presente nella banca dati del CRICD con mail da inoltrare a front.officebci@regione.sicilia.it. Le postazioni informatizzate sono finalizzate, infatti, alla fruizione del vasto repertorio documentario del Centro Catalogo.

Presso il Front Office sarà disponibile, inoltre, anche la consultazione di un’ampia selezione di cataloghi e pubblicazioni realizzati nel corso degli anni dall’Assessorato dei Beni culturali e saranno resi disponibili, su prenotazione, anche i volumi già editi dalla Regione e quelli di imminente pubblicazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.