Beni culturali, il Mibact finanzia quattro progetti :ilSicilia.it

Palermo, Capo D'Orlando, Catania ed Acireale rientrano nei progetti finanziati nel Piano di Azione e Coesione del Ministero dei Beni culturali e turismo 2007-2013

Beni culturali, il Mibact finanzia quattro progetti

21 Gennaio 2017

Sono quattro i progetti finanziati in Sicilia nell’ambito dei 5,6 milioni di fondi europei provenienti dal Piano di Azione e Coesione del Ministero dei Beni Culturali e Turismo 2007-2013. Si tratta di INTEGRA – il Cluster Cultura della città di Palermo, del Piano di valorizzazione turistica e culturale del Tirreno centrale e della dorsale appenninica della Sicilia a Capo d’Orlando, del progetto “Leggere nella città da leggere a Catania” e del Polo strategico turistico “La Terra dei Giganti” ad Acireale.
In tutto sono 19 i progetti di valorizzazione culturale presentati da Comuni e dalle aggregazioni di Comuni delle Regioni del Sud. Lo ha annunciato il MiBACT, precisando che si è così conclusa l’istruttoria delle proposte arrivate in risposta al bando del MiBACT per sostenere i costi delle progettazioni nell’ambito di progetti integrati di scala territoriale e locale orientati alla valorizzazione culturale.

I 19 selezionati verranno chiamati entro la fine di gennaio per firmare una convenzione per accedere ai fondi. E’ prevista la pubblicazione di un nuovo avviso entro il primo semestre 2017 a valere sulle risorse del PAC 2014-2020 al quale potranno accedere anche i soggetti le cui proposte non sono state selezionate. Gli esiti completi della procedura di selezione sono disponibili sul sito www.beniculturali.it.

Di seguito tutti i progetti selezionati: 1)Salento “Arco Ionico” a Nardò (LE); 2)Il recupero e la riorganizzazione del sistema di mobilità, accessibilità e fruizione dei siti del parco archeologico dei Campi Flegrei a Pozzuoli (NA); 3)INTEGRA – il Cluster Cultura della città di Palermo; 4)”I gioielli della corona” a Bari; 5)”Illuminiamo la Puglia Imperiale – viaggio nelle terre di Federico II tra storia miti e leggende a Corato (BA); 6)Il Piano di valorizzazione turistica e culturale del Tirreno centrale e della dorsale appenninica della Sicilia a Capo d’Orlando (ME); 7)HUBCULTURA – tra Ionio e Tirreno, Serra e Aspromonte a Palizzi (RC); 8)Il Sistema culturale integrato del Sud del Salento a Casarano (LE); 9)Leggere nella città da leggere a Catania; 10)Terra delle Gravine tra sharing economy e turismo esperienziale a Massafra (TA); 11) Valorizzazione. Una nuova prospettiva per il territorio di Salerno e della Costa di Amalfi a Salerno; 12) Via delle Meraviglie – Identità e reti di integrazione della Basilicata Interna a Potenza; 13)Il Polo strategico turistico “La Terra dei Giganti” a Acireale (CT); 14)Il Progetto territoriale integrato per la riqualificazione dell’Area Vergini-Sanità di Napoli; 15)Transumanze culturali tra due parchi a Castrovilalri (CS); 16)Route 96, la Murgia dell’Uomo. Dall’uomo di Altamura all’uomo rupestre fino al cittadino globale a Altamura (BA); 17)IO SONO GARGANO a Manfredonia (FG); 18)Il Paesaggio sublime: tra Angeli e Dei a Vico Equense (NA); 19)Il Parco culturale della Sibaritide a Cassano allo Jonio (CS).

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.