Beni culturali, il Mibact finanzia quattro progetti :ilSicilia.it

Palermo, Capo D'Orlando, Catania ed Acireale rientrano nei progetti finanziati nel Piano di Azione e Coesione del Ministero dei Beni culturali e turismo 2007-2013

Beni culturali, il Mibact finanzia quattro progetti

di
21 Gennaio 2017

Sono quattro i progetti finanziati in Sicilia nell’ambito dei 5,6 milioni di fondi europei provenienti dal Piano di Azione e Coesione del Ministero dei Beni Culturali e Turismo 2007-2013. Si tratta di INTEGRA – il Cluster Cultura della città di Palermo, del Piano di valorizzazione turistica e culturale del Tirreno centrale e della dorsale appenninica della Sicilia a Capo d’Orlando, del progetto “Leggere nella città da leggere a Catania” e del Polo strategico turistico “La Terra dei Giganti” ad Acireale.
In tutto sono 19 i progetti di valorizzazione culturale presentati da Comuni e dalle aggregazioni di Comuni delle Regioni del Sud. Lo ha annunciato il MiBACT, precisando che si è così conclusa l’istruttoria delle proposte arrivate in risposta al bando del MiBACT per sostenere i costi delle progettazioni nell’ambito di progetti integrati di scala territoriale e locale orientati alla valorizzazione culturale.

I 19 selezionati verranno chiamati entro la fine di gennaio per firmare una convenzione per accedere ai fondi. E’ prevista la pubblicazione di un nuovo avviso entro il primo semestre 2017 a valere sulle risorse del PAC 2014-2020 al quale potranno accedere anche i soggetti le cui proposte non sono state selezionate. Gli esiti completi della procedura di selezione sono disponibili sul sito www.beniculturali.it.

Di seguito tutti i progetti selezionati: 1)Salento “Arco Ionico” a Nardò (LE); 2)Il recupero e la riorganizzazione del sistema di mobilità, accessibilità e fruizione dei siti del parco archeologico dei Campi Flegrei a Pozzuoli (NA); 3)INTEGRA – il Cluster Cultura della città di Palermo; 4)”I gioielli della corona” a Bari; 5)”Illuminiamo la Puglia Imperiale – viaggio nelle terre di Federico II tra storia miti e leggende a Corato (BA); 6)Il Piano di valorizzazione turistica e culturale del Tirreno centrale e della dorsale appenninica della Sicilia a Capo d’Orlando (ME); 7)HUBCULTURA – tra Ionio e Tirreno, Serra e Aspromonte a Palizzi (RC); 8)Il Sistema culturale integrato del Sud del Salento a Casarano (LE); 9)Leggere nella città da leggere a Catania; 10)Terra delle Gravine tra sharing economy e turismo esperienziale a Massafra (TA); 11) Valorizzazione. Una nuova prospettiva per il territorio di Salerno e della Costa di Amalfi a Salerno; 12) Via delle Meraviglie – Identità e reti di integrazione della Basilicata Interna a Potenza; 13)Il Polo strategico turistico “La Terra dei Giganti” a Acireale (CT); 14)Il Progetto territoriale integrato per la riqualificazione dell’Area Vergini-Sanità di Napoli; 15)Transumanze culturali tra due parchi a Castrovilalri (CS); 16)Route 96, la Murgia dell’Uomo. Dall’uomo di Altamura all’uomo rupestre fino al cittadino globale a Altamura (BA); 17)IO SONO GARGANO a Manfredonia (FG); 18)Il Paesaggio sublime: tra Angeli e Dei a Vico Equense (NA); 19)Il Parco culturale della Sibaritide a Cassano allo Jonio (CS).

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.