Beni culturali: riapre al pubblico la Galleria Fazello di Sciacca :ilSicilia.it
Agrigento

a seguito del lockdown

Beni culturali: riapre al pubblico la Galleria Fazello di Sciacca

di
25 Giugno 2020

La cultura riparte anche al complesso monumentale Tommaso Fazello di Sciacca dove saranno aperte al pubblico le sale espositive della Galleria Fazello, che andranno ad arricchire l’offerta della rete museale del territorio.

La Galleria resterà aperta da martedì a sabato dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.30. L’evento inaugurale è in programma sabato 27 pomeriggio. Parteciperanno l’assessore dei Beni culturali e dell’Identita’ siciliana, Alberto Samona’, il sindaco di Sciacca Francesca Valenti e le autorità.

L’Assessore ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana

Alberto Samonà

L’apertura della Galleria Fazello – ha dichiarato l’assessore Alberto Samonàcostituisce un primo, importante, passo verso la realizzazione del Museo regionale interdisciplinare di Sciacca. Il grande complesso monumentale è stato di recente acquisito dalla Regione Siciliana e la Giunta regionale nelle scorse settimane ha autorizzato il restauro della chiesa di Santa Margherita che verrà destinata ad Auditorium grazie alle risorse dell’ex articolo 38.

“Un altro importante risultato del Governo Musumeci che prosegue nell’opera di recupero del patrimonio regionale destinandolo a finalità di pubblica fruizione – conclude l’assessore -. Ripartire dalla cultura, restituire luoghi del pensiero, salvaguardare il patrimonio regionale, salvare la memoria e la bellezza della nostra terra innovando nella tradizione. Questo l’impulso che, attraverso il mio mandato, intendo imprimere alla politica dei beni culturali in Sicilia”.

L’allestimento

La Galleria Fazello è allestita in due sale dell’imponente complesso monumentale in stile gotico-catalano Tommaso Fazello già sede del Museo del Mare. Le opere esposte costituiscono importanti espressioni della storia dell’arte di Sciacca della pittura, della scultura e della ceramica, nelle quali si riconoscono la storia e l’identità culturale della città.

La fruizione del Complesso è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra le più importanti istituzioni del territorio:

la Soprintendenza di Agrigento, che ha curato gli aspetti scientifici e museografici, il Comune di Sciacca, proprietario del complesso monumentale Tommaso Fazello e degli spazi espositivi; il Liceo artistico Giuseppe Bonachia e il Libero consorzio comunale di Agrigento, attenti custodi da più di trent’anni di tre prestigiosi pannelli ceramici, tra cui il Fante con Alabarda del 1608, autoritratto del grande maestro ceramista Giuseppe Bonachia detto il Maxarato; l’Arcidiocesi di Agrigento, ente prestatore della splendida Sacra Famiglia di Mariano Rossi e di una Madonna con Bambino in marmo, della fine del XV secolo; l’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, che ha reso fruibili al pubblico due dipinti della “scuola di Sciacca” appartenenti al complesso monumentale di Santa Margherita

LEGGI ANCHE

Musei: uno su otto non riaprirà più. Ecco l’impatto del Covid-19

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.