Beni culturali, Samonà: "Argenti di Morgantina restino in Sicilia" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Beni culturali, Samonà: “Argenti di Morgantina restino in Sicilia”

di
24 Gennaio 2022

È necessario provvedere a una revisione della convenzione stipulata nel febbraio del 2006 tra il Mibact, l’assessorato dei Beni Culturali della Regione Siciliana e il Metropolitan Museum di New York, a seguito della quale tornarono in Italia gli Argenti di Morgantina“.

Lo ha chiesto l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, che nei giorni scorsi ha scritto al ministro della Cultura, Dario Franceschini, per sottolineare “la necessità di modificare l’accordo in base al quale gli argenti (rientrati l’ultima volta al Museo archeologico di Aidone nel 2020) ogni 4 anni sono concessi in prestito al Metropolitan Museum”.

Samonà ha ricordato come, già nel 2014, gli argenti siano stati sottoposti a indagini diagnostiche, a seguito delle quali se ne era accertata la fragilità e il rischio della loro movimentazione. Inoltre, nella richiesta viene spiegato come, nel frattempo, l’amministrazione siciliana dei Beni Culturali abbia avviato con il Metropolitan Museum una proficua interlocuzione volta a costruire una collaborazione culturale che preveda, fra le altre iniziative, anche di aggiornare proprio l’accordo del 2006: un’ipotesi rispetto alla quale il Museo statunitense si sarebbe mostrato possibilista.

L’assessore dei Beni Culturali ha anche sottolineato, a questo proposito, che nel corso di incontri avuti con gli uffici del ministero della Cultura si sta valutando l’ipotesi alternativa che ogni quattro anni possano essere prestati al Metropolitan “non più gli Argenti di Morgantina, ma altri reperti archeologici, appositamente individuati dai diversi musei della Regione Siciliana nell’ambito di un più ampio accordo di collaborazione fra la Sicilia e il Museo newyorkese, che porti – fra l’altro – ad iniziative comuni che possano costituire per gli eventuali beni selezionati una vetrina di vasta risonanza internazionale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.