Berlusconi "col fiatone" a Palermo per salvare Musumeci dagli impresentabili :ilSicilia.it
Palermo

L'arrivo del Cav

Berlusconi “col fiatone” a Palermo per salvare Musumeci dagli impresentabili

di
1 Novembre 2017

Nel piazzale di Villa Igiea l’aria si è fatta umida e pungente. L’attesa di giornalisti è fotografi è protratta oltre le 20:00. Silvio Berlusconi sta per arrivare. Lo ripetono già da qualche minuto. È la serata di ieri sera quella che consegna Berlusconi  alla vigilia del suo bagno di folla palermitano, a sostegno del candidato del centrodestra Nello Musumeci.

Sono stati in diversi anche tra i big regionali di Forza Italia a chiedere di potere essere presenti e partecipare alla cena del leder nazionale con Miccichè e Musumeci. Anche i più antichi e autorevoli esponenti però rimangono fuori.

Il confronto deve essere quanto più ristretto. Miccichè ha alcuni sassolini da tirare fuori dalle scarpe e intende mettere in chiaro le cose con Nello Musumeci che dalla prossima settimana potrebbe essere il nuovo governatore della Sicilia, riportando il centrodestra alla guida di Palazzo d’Orleans.

Oggi la scena non cambia. Diventa solo più affollata. I tweet dello stesso Miccichè e di Musumeci di ieri, le dichiarazioni su Facebook di alcuni deputati come Francesco Scoma, lasciano il posto alla kermesse del pomeriggio al teatro Politeama di Palermo.

Berlusconi e GravianoBerlusconi arriva nella “sua Palermo” come ricordano con enfasi i dirigenti forzisti e prova a ridurre al minimo l’impatto l’inchiesta sulle stragi del ’93 che lo tirerebbero dentro insieme a Dell’Utri.

Ma la ‘piazza degli impresentabili’ come qualcuno degli avversari la descrive, nel centrodestra, non la trova nessuno. Sfumature e strumentalizzazioni. Vengono liquidate così.

A Musumeci tocca ora di dire la sua in maniera netta su questo finale di campagna elettorale in cui più hanno prevalso una volta in più le personalizzazioni, rimbalzate tra i vari candidati, le polemiche, che hanno salvato dall’imbarazzo tutti per una reale assenza di programmi su cui confrontarsi, e le assenze. Quelle delle piazze siciliane, tranne in pochi casi coinvolte e che lasciano presagire la scarsa affluenza da mesi annunciata.

Diceva Giorgio Almirante, storico leader del MSI: “Piazze piene, urne vuote”. La Sicilia dei confronti deserti adesso ha pareggiato i conti.

Tutto esaurito. Il vuoto della delusione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin