Bicchieri di pandoro o panettone alla crema chantilly in versione sicula :ilSicilia.it

Scampoli di morbida bontà

Bicchieri di pandoro o panettone alla crema chantilly in versione sicula

9 Gennaio 2019

Cari golosissimi Watson, se vi fossero rimasti “scampoli” di pandoro o di panettone, ecco che la vostra Patti Holmes vi dà la ricetta goduriosa di bicchierini di crema chantilly, in versione rigorosamente sicula, con una base morbida data dai gustosissimi avanzi natalizi. La versione made in Trinacria, anche se non fedele alla francese, è ancora più buona, ricca e afrodisiaca, non ci credete? Provare per credere.

Intanto, prima della ricetta, raccontiamo le origini di questa prelibatezza francese. On y va.

La Crema Chantilly

Il nome ha origine nella Francia nel ‘600 grazie al cuoco pasticcere Francois Vatel che, a quell’epoca, prestava servizio presso il castello di Chantilly, a Nord della Francia. Egli servì questo dolce, in occasione della sua visita a palazzo, a re Luigi XIV che la gradì talmente tanto da contribuire alla sua diffusione. Tuttavia si racconta che abbia origini ancora più antiche e, infatti, troviamo testimonianze già in alcune opere del ‘500 di cuochi italiani come Cristoforo di Messisbugo e Bartolomeo Scappi, ma con l’appellativo di “neve di latte“ (da sicula lo traduco in “biancomangiare” e vedo rivoltare nella tomba contemporaneamente Francois, Cristoforo e Bartolomeo).

La chantilly originale è una crema dolce a base di panna montata a cui si aggiunge zucchero a velo e vaniglia; nella versione Holmesiana sarà una crema di latte con aggiunta di panna montata. Quando la proverete darete un affettuoso arrivederci alla vera chantilly. Siete pronti per assaporare questa delizia?

INGREDIENTI

  • 1 litro di latte
  • 120 g amido per dolci
  • 1 bustina di vanillina
  • zucchero a piacere (in base ai vostri gusti)
  • panna montata
  • spremuta d’arancia
  • scampoli di panettone o pandoro

PROCEDIMENTO

1. In una ciotola versate il latte e lo zucchero. Ponetevi dentro un colino, versate l’amido e con un cucchiaio fatelo sciogliere.

2. Aggiungete una bustina di vanillina o qualche goccia di aroma alla vaniglia. Ponete sul fuoco a fiamma bassa e quando la crema di latte si sarà addensata, spegnete e lasciatela raffreddare.

3. A questo punto, aggiungete la panna montata e mescolate con forza per fare amalgamare bene i due composti.

4. Bagnate gli scampoli di panettone o di pandoro con il succo d’arancia, che sarà la base dei bicchierini che riempirete con la crema chantilly sicilianizzata, spolverizzandoli con le briciole delle bontà natalizie.

I golosi continuano a ringraziare, per queste trovate culinarie, le festività natalizie.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.