18 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55
Agrigento

Il vicepresidente ad Agrigento per la cerimonia conclusiva dell'iniziativa

Bicentenario nascita di Francesco Crispi, Armao: “Sua la prima vera modernizzazione dello Stato”

4 Ottobre 2018

Grazie a quest’importante iniziativa abbiamo effettuato, insieme con storici, giuristi, politologi, quali Marcello Saija, Uccio Barone, Salvatore Lupo, Pippo Astuto, Giorgio Scichilone, nonchè con Francesco Bonini, rettore della Lumsa, un’operazione culturale di riscoperta del ruolo di Crispi e dell’intensa attività riformatrice dei suoi governi“. Lo ha detto il vicepresidente e assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao, durante la cerimonia conclusiva, al Teatro Pirandello di Agrigento, di “Rileggiamo Crispi a 200 anni dalla nascita 1818-2018“, un’iniziativa dedicata alla celebrazione dei duecento anni dalla nascita del primo siciliano divenuto presidente del Consiglio e organizzata da un comitato scientifico costituito da docenti degli Atenei siciliani e dal Comune di Ribera.

Crispi fu nell’amministrazione un profondo innovatore e portò avanti importanti riforme in campo amministrativo, sanitario e sociale, un forte dinamismo in politica estera e un progetto di educazione alla cittadinanza e alla coscienza nazionale ispirato alla cultura liberale, quella che oggi troppa politica dimostra di disconoscereha aggiunto il vicepresidenteTante battaglie condotte da Crispi, soprattutto nella fase iniziale del suo impegno, furono orientate al riscatto della Sicilia. Riscatto che la Sicilia ancora oggi attende e per il quale occorre battersi“.

Infine, il comitato organizzativo, insieme con l’assessorato ai Beni culturali, guidato da Sebastiano Tusa, provvederanno alla pulitura del monumento funerario di Crispi che si trova all’interno della basilica di San Domenico a Palermo.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.