Biglietti falsi per entrare allo stadio Barbera, arrestati titolari di ricevitorie, capi ultras e bagarini | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

le indagini andavano avanti da un anno

Biglietti falsi per entrare allo stadio Barbera, arrestati titolari di ricevitorie, capi ultras e bagarini

di
23 Febbraio 2018

Avrebbero falsificati i biglietti le partite casalinghe del Palermo, lucrando sui tagliandi d’ingresso allo stadio “Renzo Barbera”. Nove persone stamattina all’alba sono state raggiunte dalla Guardia di finanza e poste agli arresti domiciliari.

Coinvolti titolari di ricevitore autorizzate, bagarini e capi ultras della curva nord. Avrebbero fatto parte di due bande, che avrebbero gestito da tempo questo traffico di biglietti irregolari.

Il metodo prevedeva che oltre il sessanta per cento dei biglietti ridotti fosse intestato a persone inesistenti o decedute. Con questo stratagemma sarebbero stati staccati oltre quattromila tagliandi falsi. Le accuse sono truffa e accesso abusivo a sistemi informatici.

Il blitz nasce a seguito di un’attività d’indagine durata per oltre n anno e nata quasi per caso dopo alcuni controlli. I nove finiti ai domiciliari non sono i soli coinvolti. In tutto gli indagati sono ventitré, mentre 65 persone sono state deferite alla prefettura per violazioni amministrative.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.