Bilancio 2017, Ferrandelli: "Bocciamolo e poi andiamo a nuove elezioni a Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

la stoccata del capo dell'opposizione

Bilancio 2017, Ferrandelli: “Bocciamolo e poi andiamo a nuove elezioni a Palermo”

di
29 Settembre 2018

“La terzietà e autorevolezza delle voci che si sono susseguite in questi mesi circa lo stato dei conti del Comune di Palermo, numeri da noi esaminati nei mesi di campagna elettorale e rispetto ai quali avevamo chiesto fiducia ai palermitani per attuare interventi opposti a quelli messi in campo, rapidi e strutturali, oggi però impongono una seria riflessione da parte di tutti coloro che hanno testa sulle spalle e cuore dentro il petto”. Queste le riflessioni di Fabrizio Ferrandelli, capo dell’opposizione al Comune di Palermo.

Il Mef, la Corte dei conti, i commissariamenti dei bilanci da parte della Regione e infine questo parere dei revisori – aggiunge – danno perfettamente l’immagine di un Comune che precipita verso il baratro con dei conducenti che continuano, ormai da troppi anni, a guidare senza mai cambiare rotta, in maniera spericolata e spregiudicata e senza ascoltare gli altri passeggeri che da mesi, avendolo avvistato, non hanno mai smesso di segnalare il pericolo”

Siamo in un chiaro dissesto funzionale del Comune di Palermo – conclude Ferrandellial quale si aggiungerà presto, se non si interviene, quello finanziario. Abbiamo l’opportunità di cambiare le cose, adesso che in Consiglio c’è finalmente una vera opposizione. Chiedo a tutti i consiglieri comunali, indistintamente dalle appartenenze, di bocciare questo bilancio, di liberarci di questi conducenti e di aprire una fase di lavoro serio e convergente sui problemi reali della città delineando la conclusione anticipata di questa consiliatura per arrivare a nuove elezioni”.

 

Leggi anche:

Palermo, doccia fredda sull’Amministrazione Orlando. I revisori bocciano il bilancio 2017

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin