Bilancio Comune, dietro il diktat di Orlando la necessità di sbloccare la spesa per aprire i “cordoni della borsa” :ilSicilia.it
Palermo

Le mosse del primo cittadino

Bilancio Comune, dietro il diktat di Orlando la necessità di sbloccare la spesa per aprire i “cordoni della borsa”

di
11 Settembre 2017

Se Palermo vive un abbandono che sicuramente non può essere smentito e che è sotto gli occhi di tutti, con molta probabilità l’accelerazione del sindaco Orlando in tema di Bilancio comunale è legata ha due precisi obiettivi: far approvare dal consiglio comunale, in tempi brevissimi, lo strumento finanziario per evitare il commissariamento e rendere operativo il Peg (piano esecutivo di gestione) che permetterà al “Primo cittadino” di aprire i “cordoni della borsa”.

Tanto per capirci, parliamo delle somme inserite nei vari capitoli di Bilancio che servono a far muovere la macchina comunale. Ma soprattutto “preziosi strumenti” che, in sede di discussione in aula, i consiglieri usano come “armi bianche” attraverso la presentazione di emendamenti ad hoc. Un modo per mediare e poi ottenere delle “prebende” che tornano sempre utili a chi, pur sempre, deve rispondere ai propri elettori. Certo la strada è lunga.

Il consiglio comunale ha previsto una maratona d’aula, che inizierà da domani, per l’approvazione degli atti propedeutici al Bilancio. Parliamo di un atto finanziario che si ritrova il peso di centinaia di debiti fuori bilancio, di una diminuzione delle entrate (già nell’arco, che va dal 2012 al 2016, il calo era stato pari a 300 milioni di euro), della situazione delle aziende partecipate, con la criticità di Amat e Rap. Quindi tra le pieghe dei capitoli i vari spostamenti delle somme diventano come una sorta di risiko. Vedi settori come il sociale, l’edilizia scolastica, la viabilità, il verde e la cultura. E non meno importante, anzi, la contrazione dovute ai mutui.

Certo, a tutto questo si aggiunge il mancato trasferimento dei fondi statali e regionali che per il 2015 è stato di 148 milioni di euro, ma il problema è anche quello delle entrate tributarie difficili da recuperare, tra task-force  e censimenti sul territorio che poco hanno sicuramente sortito.

Orlando ha ben chiaro, oggettivamente, che la situazione, all’indomani della sua conferma a Palazzo delle Aquile, è sicuramente mutata rispetto a cinque anni fa. E non parlo degli equilibri politici. Quelli sono assolutamente saldi a Sala delle Lapidi, in quanto la tela da lui abilmente cucita comprende svariati colori, con la preminenza dell’azzurro. Qui, invece, si tratta di consenso popolare. In questo contesto, dunque, poter avere un bilancio approvato con esecutività immediata, puo’ dargli ossigeno e, soprattutto, può consentirgli di giocare sulla scacchiera di una città debole e facile da domare.

Il countdown sta per iniziare e Orlando, forse, ha anche l’alibi per allentare il suo assist al candidato Presidente civico del centrosinistra alle regionali e pensare più alla sua Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin