Bilateralità in Sicilia, Trovò (Cisl): "Bisogna far conoscere le opportunità a lavoratori e aziende" :ilSicilia.it

I numeri regionali della bilateralità

Bilateralità in Sicilia, Trovò (Cisl): “Bisogna far conoscere le opportunità a lavoratori e aziende”

di
8 Gennaio 2021

Quello della bilateralità un universo che gradualmente comincia a prendere campo nel mondo del lavoro grazie alle possibilità integrative ad esso correlate che riguardano sia gli impiegati che le aziende.

Annamaria Trovò, Dirigente Cisl e Vicepresidente del fondo sanitario PMI Enfea Salute traccia un quadro complessivo che parte dagli strumenti e dall’organizzazione della bilateralità fino ad arrivare alla situazione attuale in Sicilia.

In prima istanza la Trovò spiega quali sono al momento gli strumenti e le organizzazioni legate al sistema bilaterale: “Per le piccole e medie imprese noi abbiamo come parti sociali, Cgil, Cisl, Uil e Confapi, messo in campo un sistema di bilateralità molto articolato e ricco di strumenti, che comprendono un ente bilaterale multi-scopo che è Enfea, Enfea Salute e il fondo di assistenza sanitaria, che si sono aggiunti al Fapi – Fondo Interprofessionale Per la Formazione Continua, a Fondapi Fondo di previdenza integrativa e all’Opnc che è l’organismo paritetico per la salute e la sicurezza sul lavoro. È importante sottolineare tutti gli strumenti”.

Il vicepresidente del fondo sanitario Enfea Salute ha poi spiegato quella che è la situazione circa le adesioni agli enti bilaterali sia a livello nazionale che per quel concerne la Sicilia, i cui numeri al momento sono bassi: “Noi abbiamo 100.000 lavoratori iscritti a Enfea a livello nazionale e circa 50.000 iscritti ad Enfea Salute e questo è un primo problema che non ha giustificazione visto che le problematiche della salute sono problematiche su cui le persone sono molto sensibili e avere un’assistenza sanitaria aiuta il lavoratore e il suo tenore di vita. La Sicilia rappresenta una piccolissima parte perché abbiamo nella regione soltanto 73 aziende iscritte alla bilateralità per le piccole medie e imprese e di queste 51 sono iscritte solo all’ente bilaterale e non al fondo sanitario. C’è tanta strada da fare. Quello che mi preoccupa principalmente è il numero di imprese iscritte e di lavoratori: noi abbiamo in tutto 775 lavoratori in Sicilia che usufruiscono del welfare contrattuale e sanitario per la piccola e media impresa. I lavoratori sono collocati principalmente nelle province di Palermo, Catania e Messina; le aziende soprattutto a Catania e Palermo e poi in terza istanza Messina”.  

In merito ai propositi per l’anno appena iniziato sul tema della bilateralità la Trovò sottolinea quanto sia importante far conoscere a lavoratori e aziende le opportunità che derivano da questo sistema: “La prospettiva  per l’anno prossimo è parlare di più delle cose buone che stiamo facendo. La polizza sanitaria integrativa è una polizza di primissimo livello che costa poco alle aziende e nulla ai lavoratori perché sono 10 euro al mese a carico del datore di lavoro che consente di accedere senza alcun onere o con oneri risibili al circuito convenzionato con Unisalute che si appoggia a centri di eccellenza. Per quanto riguarda l’ente bilaterale ha disponibilità alle più svariate risposte di sussidio al lavoratore ma anche al datore di lavoro: ci sono tante prestazioni e vale la pena esplorarle come anche sollecitare le aziende affinché queste opportunità diventino accessibili ai lavoratori come a loro. Nel 2021 noi vogliamo continuare ad attivarci per una campagna di divulgazione e promozione in tutte le regioni d’Italia a partire da quelle che sono un po’ più in ritardo nella conoscenza e nell’utilizzo degli strumenti della bilateralità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin