Bimbo muore soffocato a Pietraperzia, sospeso un medico :ilSicilia.it
Enna

il fatto

Bimbo muore soffocato a Pietraperzia, sospeso un medico

di
13 Agosto 2020

La Polizia di Stato di Enna ha notificato a un medico il provvedimento di sospensione dall’esercizio dell’attività professionale per 12 mesi per la morte di un bimbo di 18 mese di Pietraperzia, lo scorso 24 marzo.

I genitori, accortisi che il bambino aveva difficoltà per qualcosa che gli ostruiva le vie respiratorie, dopo un primo vano tentativo di prestargli soccorso, si erano recati alla Guardia medica di Pietraperzia, dove è presente un presidio del “118”, costituito da autoambulanza equipaggiata per fronteggiare ogni emergenza, con autista soccorritore, infermiere e medico rianimatore.

Secondo quanto emerso dalle indagini il medico del “118”, destinatario del provvedimento cautelare, anziché adottare le misure previste dai protocolli sanitari, avrebbe deciso “inopportunamente” – così si legge nell’ordinanza – di trasportare il bambino all’ospedale di Caltanissetta distante oltre 25 chilometri. Giunti al Sant’Elia, il medico rianimatore del pronto soccorso, senza alcuna difficoltà, era riuscito ad estrarre la pallina in gomma che il piccolo aveva messo in bocca e che si era fermata nella faringe, operazione compiuta con l’uso di una pinza “di Magill”, che fa pure parte dell’equipaggiamento in dotazione all’autoambulanza del “118”.

Purtroppo, però, a causa del lungo tempo trascorso, inutili sono risultati i tentativi di rianimare il bambino. La misura cautelare della sospensione dell’esercizio di un pubblico servizio è stata emessa dal gip Ornella Maimone, su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica Stefania Leonte dell’ufficio diretto dal procuratore Massimo Palmeri.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47