Birgi e Comiso, sbloccati i fondi per nuovi voli: dalla Regione 12,5 milioni per "salvare" gli aeroporti :ilSicilia.it

Airgest e Soaco gestiscono gli scali

Birgi e Comiso, sbloccati i fondi per nuovi voli: dalla Regione 12,5 milioni per “salvare” gli aeroporti

di
7 Maggio 2018

Sbloccati i fondi per finanziare l’avvio di nuovi collegamenti negli aeroporti di Trapani Birgi e Comiso (Ragusa).

La Regione ha stanziato 12 milioni e 500 mila euro sino al 2019 per i Comuni che rientrano negli ambiti territoriali dei due scali al fine di favorire l’incremento delle presenze turistiche.

A Trapani sarà Airgest, la società che gestisce l’aeroporto di Birgi, a varare il nuovo bando finalizzato alla ricerca di un vettore aereo che possa garantire il prosieguo dell’operatività dello scalo, mentre sarà il Libero Consorzio Comunale di Trapani a gestire i fondi.

Nel Ragusano sarà il Comune di Comiso che pubblicherà il bando per l’incentivazione delle rotte aeree. La decisione è stata assunta dai sindaci e dalla Soaco, la società di gestione dello scalo ibleo. Oltre a 4,5 milioni di euro della Regione siciliana, sono disponibili 1,6 milioni di euro dell’ex Provincia di Ragusa e 380 mila euro della Camera di Commercio del Sud-est.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.