Blitz a Catania: dormitorio e discarica con 8 tonnellate di rifiuti :ilSicilia.it
Catania

liberata la zona vicino piazza della Repubblica

Blitz a Catania: dormitorio e discarica con 8 tonnellate di rifiuti

di
14 Luglio 2020

“In poco più di due ore stamattina è stato liberato, senza alcuna necessità di ricorrere ad azioni di forza, il terreno privato attiguo a piazza della Repubblica, angolo con piazza Grenoble e via Teocrito, dove fino a un mese addietro, con tende e materiale di risulta, oltre una ventina di migranti stazionavano, anche di notte, in gravissime condizioni igienico sanitarie”.

Lo annuncia il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, al termine di un blitz effettuato oggi a Catania dalle Forze dell’Ordine che di concerto con il Comune e la Polizia municipale hanno liberato la zona tra piazza Repubblica, piazza Grenoble e Via Teocrito ormai da tempo ridotta a discarica e dormitorio per soggetti senza fissa dimora.

Salvo Pogliese
Salvo Pogliese

“Stamattina – spiega Pogliese – operatori della polizia Municipale, al comando di Stefano Sorbino, con il supporto di Carabineri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato, hanno guidato lo sgombero di circa otto tonnellate di rifiuti e materiale di ogni tipo, dall’area dove erano rimasti a dimorare solo quattro migranti, risultati non regolari, e per questo presi in consegna dagli agenti della Questura per gli accertamenti e gli conseguenziali di legge. Effetti personali dei quattro migranti sono stati presi in consegna dagli agenti, mentre tutto il resto, tra cui numerosi materassi e tende del tipo canadesi ma anche un grande televisore, abbandonato da quanti nei giorni scorsi avevano lasciato l’area è stato rimosso con ruspe e automezzi, dagli operatori della raccolta rifiuti e portato in discarica”.

“E’ un altro impegno mantenuto, portato a compimento grazie anche alla collaborazione del prefetto e del questore liberando un’area dove vi erano condizioni igieniche devastanti. Un atto dovuto arrivato dopo un’azione di persuasione che ha avuto i suoi effetti, visto che erano rimasti solo quattro migranti irregolari. D’intesa con l’assessore all’ecologia Fabio Cantarella, già domani mattina a partire dalle cinque ci sarà una nuova operazione di pulizia e derattizzazione di tutta l’area di Corso Sicilia e piazza della Repubblica-Grenoble”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.