Blitz all'alba, presi in 14: sgominata rete di fiancheggiatori di Messina Denaro. "Il boss intervenne per sanare frizioni tra i clan" :ilSicilia.it
Palermo

Il latitante è sempre più solo

Blitz all’alba, presi in 14: sgominata rete di fiancheggiatori di Messina Denaro. “Il boss intervenne per sanare frizioni tra i clan”

di
10 Maggio 2017

Blitz dei Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Trapani nei confronti della rete di fiancheggiatori del super boss latitante Matteo Messina Denaro.

Quattordici i provvedimenti di fermo, emessi dalla procura distrettuale antimafia di Palermo e in corso di esecuzione dall’alba, a carico di altrettante persone indagate per associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e altri reati aggravati dalle finalità mafiose.

Al centro delle indagini del Ros la cosca mafiosa di Marsala, di cui sono stati delineati gli assetti e le gerarchie. Sono state documentate anche le tensioni interne alla ‘famiglia’ per la spartizione delle risorse finanziarie derivanti dalle attività illecite e l’intervento pacificatorio – nel 2015 – dello stesso Messina Denaro.

In questo contesto gli accertamenti hanno fornito “inediti e importanti elementi, per l’epoca – sottolineano gli investigatori – riguardanti l’operatività e la possibile periodica presenza del latitante nella Sicilia occidentale”.

 

“L’indagine conferma l’unitarietà di Cosa nostra e la permanenza delle regole gerarchiche al suo interno”. Lo ha detto il colonnello Roberto Pugnetti, vice comandante del Ros alla conferenza stampa tenutasi al comando provinciale dei carabinieri di Trapani per illustrare l’operazione antimafia che ha portato nella notte al fermo di 14 persone ritenute appartenenti al mandamento di Mazara del Vallo.

L’ufficiale ha ribadito che alla fine del 2014, il boss latitante Matteo Messina Denaro “sembrerebbe essere intervenuto per esternare disappunto” per le frizioni sorte in seno al sodalizio mafioso per la nomina di capodecina di Strasatti e Petrosino. Frizioni che il boss avrebbero potuto “mettere in pericolo l’intera struttura”.

Gli inquirenti hanno sottolineato che oggi il business di Cosa Nostra continuano ad essere gli appalti pubblici. Emerse dalla indagini contatti, per interessi comuni, tra le famiglie di Mazara, Trapani ed Alcamo con quelle di San Giuseppe Jato e Belmonte Mezzagno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin