Blitz antidroga a Catania: le umiliazioni ai pusher che sgarravano | NOMI ARRESTATI E VIDEO :ilSicilia.it
Catania

il fatto

Blitz antidroga a Catania: le umiliazioni ai pusher che sgarravano | NOMI ARRESTATI E VIDEO

di
8 Giugno 2021

Sono 22, e non 25 come comunicato in precedenza dai carabinieri del Comando provinciale di Catania, gli arrestati nel blitz antidroga ‘Piombai’. Per 21 degli indagati si sono aperte le porte del carcere, mentre per una 22esima persona sono stati disposti i domiciliari. Altri tre indagati sono stati sottoposti all’obbligo di firma. La precisazione arriva dall’agenzia Dire.

La zona di spaccio nel quartiere San Cristoforo è stata monitorata per cinque mesi, da giugno a ottobre del 2020, attraverso telecamere nascoste che hanno consentito agli investigatori di ricostruire modalità di azione, organigramma e ruoli dell’organizzazione. Secondo la Dda di Catania il capo del gruppo sarebbe stato Giovanni Alfio Di Martino, che con “il costante supporto” del nipote, Giuseppe Di Martino, avrebbe trasformato la propria abitazione e l’agglomerato di immobili attigui in cui vivono i suoi familiari in un vero e proprio “fortino dello spaccio” di cocaina e crack.

Il sistema di pusher e vedette era organizzato in turni: dalle 17 all’una del mattino e da quest’ultimo orario alle 7. Lo spaccio avveniva principalmente all’interno del cortile comune alle abitazioni della famiglia Di Martino che era supersorvegliato da cani e telecamere che inquadravano diverse angolazioni delle strade di accesso.

Nell’operazione ‘Piombai’, in esecuzione di un’ordinanza del Gip, sono stati condotti in carcere: Giovanni Alfio e Giuseppe Di Martino, rispettivamente di 30 e 20 anni, Georgiana Xenia Bontu, di 20, Pietro Pulvirenti, di 23, Domenico Dario Blandini, di 34. Carmelo Pulvirenti, di 45, Carmelo Motta, di 32, Angelo Guarneri, di 31, Orazio Laudani, di 28, Giuseppe Di Mauro, di 33, Antonio Giovanni Bonanno, di 34, Antonino Bonaceto, di 27, Vita Giuffrida, di 24, Vincenzo Pantellaro, di 30, Mario Vinciguerra, di 25, Giovanni e Domenico Marchese, rispettivamente di 22 e 33, Giuseppe Spampinato, di 32, Antonino Valentino Di Guardo, di 34, Sergio Fortunato Messina, di 45, Giuseppe Alessandro D’Amico, di 31. Agli arresti domiciliari e’ stata posta Silvia Monica Maugeri, di 25 anni. L’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e’ stato notificato a Antonio Giuseppe Seminara, di 32 anni, Giuseppe Romeo, di 29, Salvatore Vadala’, di 33. Giovanni Alfio Di Martino, 30 anni; Giuseppe Di Martino, 20; Georgiana Xenia Bontu, 30; Pietro Pulvirenti, 23; Domenico Dario Blandini, 35; Carmelo Pulvirenti, 45; Carmelo Motta, 32; Angelo Guarneri, 31; Orazio Laudani, 28; Giuseppe Di Mauro, 33; Antonio Giovanni Bonanno, 34; Antonino Bonaceto, 27; Vita Giuffrida, 24; Vincenzo Pantellaro, 40; Mario Vinciguerra, 25; Giovanni Marchese, 21; Domenico Marchese, 43; Giuseppe Spampinato, 32; Antonino Valentino Di Guardo, 34; Sergio Fortunato Messina, 45; Giuseppe Alessandro D’Amico, 31. Ai domiciliari è finita Silvia Monica Maugeri, di 25 anni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin