Blitz antidroga nelle piazze del Catanese, 13 arresti CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Catania

il fatto

Blitz antidroga nelle piazze del Catanese, 13 arresti CLICCA PER IL VIDEO

di
8 Febbraio 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Carabinieri del comando provinciale di Catania, supportati da reparti specializzati dell’Arma, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip, nei confronti di 13 persone indagate per associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine, coordinata dalla Procura Distrettuale e condotta dalla compagnia di Gravina di Catania, ha fatto luce sull’operativita’ di un gruppo, dotato di una struttura verticistica e dedito al traffico di cocaina e marijuana in almeno tre fiorenti ‘piazze di spaccio tra il capoluogo etneo e Mascalucia. Secondo l’accusa l’associazione sarebbe stata capeggiata da due cugini, risultati percettori del reddito di cittadinanza, e sarebbe stata capace di incassare oltre 8.000 euro al giorno dalla vendita della droga.

Dodici degli indagati destinatari dell’ordinanza cautelare emessa dal Gip, compresa una donna accusata di svolgere il ruolo di pusher col fidanzato, sono stati condotti in carcere da militari dell’Arma. Il tredicesimo è stato sottoposto agli arresti domiciliari. L’attività di indagine, coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla stazione Carabinieri di Sant’Agata Li Battiati coadiuvata dal Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia di Gravina, da ottobre 2020 a maggio 2021, ha fatto emergere l’esistenza di “una organizzazione criminale finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, operante nell’hinterland catanese di San Giovanni Galermo. Al vertice, secondo l’accusa, ci sarebbero i cugini Attilio Salici e Gaetano Attilio che gestivano, tra l’altro, almeno tre fiorenti “piazze di spaccio” tra Catania e la villa comunale di Mascalucia”.

I due sono risultati essere percettori del reddito di cittadinanza come altri due indagati, e avrebbero percepito illegalmente sussidi per oltre 36.000 euro complessivi. Lo spunto investigativo trae origine dall’arresto in flagranza di uno degli indagati sorpreso a cedere droga. Dalle indagini è emersa l’operatività costante di un gruppo dedito al traffico di stupefacenti, dotato di una base logistica ed operativa in un autonoleggio di San Giovanni Galermo e strutturato secondo una precisa suddivisione dei compiti e degli orari di “lavoro”, con una “cassa” comune che poteva contare su un introito giornaliero di circa 8.000 euro In particolare, secondo quanto ricostruito dalla Procura, “la metodologia prevalente utilizzata nella distribuzione della sostanza era quella della cessione “porta a porta” – utilizzata anche in relazione alla limitazione alla circolazione a causa dell’emergenza da pandemia – mentre era “decriptato” il linguaggio convenzionalmente adottato dagli indagati per la compravendita della sostanza stupefacente”.

L’attività ha consentito di sequestrare in flagranza di reato oltre due chilogrammi di droga, tra marijuana e cocaina, grazie al monitoraggio della numerosa clientela.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro