Blitz antimafia a Palermo: trovati soldi e pistola a casa di uno dei fermati :ilSicilia.it
Palermo

il ritrovamento

Blitz antimafia a Palermo: trovati soldi e pistola a casa di uno dei fermati

di
21 Luglio 2021

“Nel periodo di crisi dovuto alla pandemia, uno degli esattori si è dovuto accontentare e accettare non soldi ma una macchinetta del caffè”. Lo dice Rodolfo Ruperti, capo della squadra mobile di Palermo, che ha dato ulteriori particolari sull’operazione Tentacoli della questura che ieri ha portato al fermo di 16 indagati.

Nel corso delle perquisizioni sono stati trovati una pistola e soldi. “Si sono recati in un’attività commerciale – aggiunge Ruperti – in crisi come tutte quelle che erano rimaste aperte in quel periodo. Non potendo riscuotere denaro hanno portato via una macchinetta del caffè. La stessa è stata ritrovata a casa di uno dei 16 fermati. Dentro era stata nascosta una pistola con il colpo in canna e diverse banconote”. Soprattutto nel 2020 in piena pandemia riuscire ad incassare il pizzo, pagato dai commercianti, non era facile. “I fermati – aggiunge Ruperti – nelle intercettazioni, si vantano di appartenere a una delle poche organizzazioni mafiose che ancora riusciva a sostenere i detenuti. Le attività commerciali venivano vessate continuamente, c’era un vero e proprio pattugliamento del territorio alla ricerca di quelle che potevano pagare il pizzo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin