Blitz contro la mafia nigeriana a Palermo, Attinasi (Assoimpresa): “Grati alla polizia” :ilSicilia.it
Palermo

"criminali pericolosi per le imprese"

Blitz contro la mafia nigeriana a Palermo, Attinasi (Assoimpresa): “Grati alla polizia”

11 Luglio 2019

“L’operazione che ha portato a smantellare un gruppo criminale della così detta ‘mafia nigeriana‘ nel cuore del centro storico di Palermo, a Ballarò, è il segnale di un’attenzione forte da parte degli inquirenti e delle forze dell’ordine verso il capoluogo siciliano, per la quale non possiamo che essere grati”. 

Lo afferma il presidente nazionale di Assoimpresa, Mario Attinasi, commentando l’operazione portata a termine dalla polizia a Palermo.

“La presenza di gruppi criminali, che si aggiungono a Cosa nostra, rende il territorio poco sicuro per i cittadini e le imprese – aggiunge Attinasi –. È necessaria una sinergia sempre più stretta fra gli attori in campo per contrastare in modo efficace la criminalità”.

 

LEGGI ANCHE:

Sgominata a Palermo una cosca legata alla mafia nigeriana

Le indagini confermano: la base operativa della mafia nigeriana è a Palermo

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona