Blutec: da quattro mesi senza prospettive di rientro al lavoro, operai disperati :ilSicilia.it
Palermo

giovedì 3 ottobre tavolo al Mise

Blutec: da quattro mesi senza prospettive di rientro al lavoro, operai disperati

2 Ottobre 2019

Da quattro mesi senza cassa integrazione e senza prospettive di rientro al lavoro, i mille operai della Blutec di Termini Imerese (tra diretti e indotto) per i sindacati “sono allo stremo e pronti a tutto per la disperazione“. Ecco perché nel vertice sulla vertenza Blutec in programma domani, giovedì 3 ottobre, al Mise, alle 16, Fim Fiom e Uilm si aspettano “passi risolutivi“.

Per i lavoratori è il momento più buio degli ultimi dieci anni – dice il segretario della Fiom siciliana, Roberto MastrosimoneC’è una inchiesta giudiziaria che ovviamente avrà i suoi tempi, per cui ci aspettiamo che il governo Conte, anche attraverso Invitalia, e la Regione siciliana si assumano direttamente la responsabilità di governare la reindustrializzazione dell’area di Termini Imerese. I fondi ci sono, ora serve un intervento vero e immediato“.

Non c’è più tempo da perdere – aggiunge Mastrosimone – Domani vogliamo azioni concrete. I governi prendano in mano il caso Blutec, ormai è evidente che con la vicenda giudiziaria di Termini Imerese serve un’alternativa produttiva, anche perché rispetto al resto del gruppo in questo sito non c’è lavoro”. Dal ministero del Lavoro, che domani sarà presente al tavolo, i sindacati si attendono lo sblocco della Cig. “Non era mai accaduto ai tempi della Fiat che i lavoratori rimanessero scoperti dagli ammortizzatori sociali per un periodo così lungo – accusa la Fiom – Il governo sappia che di fronte ha una polveriera sociale“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona