Blutec, dopo Ginatta torna in libertà anche l'ad Di Cursi :ilSicilia.it
Palermo

La decisione del Tribunale del Riesame

Blutec, dopo Ginatta torna in libertà anche l’ad Di Cursi

9 Aprile 2019

Il Tribunale delle Libertà di Palermo ha accolto l’istanza di riesame dei difensori di Blutec anche per la posizione dell’amministratore delegato Cosimo di Cursi, ordinandone l’immediata liberazione.

Come era avvenuto due settimane fa per il presidente Roberto Ginatta, anch’egli assistito dallo Studio Grande Stevens di Torino, Milano e Roma, liberato dagli arresti domiciliari con la stessa motivazione di incompetenza territoriale di Termini Imerese e trasmissione degli atti al Tribunale di Torino. Disposta, inoltre, la restituzione di tutti i beni patrimoniali sequestrati al presidente Ginatta e all’ad di Cursi, per un valore complessivo di circa 13 milioni di euro.

Giuseppe Glorioso resta, per il momento, amministratore giudiziario della Blutec. Si tratta dell’unico provvedimento conservato dai giudici palermitani. La conferma dell’amministratore giudiziario è stata presa, spiegano i legali dello Studio Grande Stevens che difendono Ginatta e di Cursi, nelle more della decisione sulle misure di inibizione all’esercizio delle cariche sociali di Ginatta e di Cursi che si discuteranno il 15 aprile. Il provvedimento dovrà però essere confermato entro 20 giorni dalla trasmissione del fascicolo al Tribunale di Torino, ritenuto territorialmente competente.

Intanto a Roma, oggi 9 aprile, si è tiene un sit-in dei lavoratori Blutec davanti al ministero dello Sviluppo economico, nel giorno in cui si riapre il tavolo con al centro il piano di reindustrializzazione dello stabilimento della provincia di Palermo. I lavoratori coinvolti dalla vertenza sono mille in Sicilia, inclusi i 300 dell’indotto.

 

LEGGI ANCHE:

Blutec, Ginatta torna libero: l’ha deciso il Tribunale del riesame

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.