Blutec, dopo Ginatta torna in libertà anche l'ad Di Cursi :ilSicilia.it
Palermo

La decisione del Tribunale del Riesame

Blutec, dopo Ginatta torna in libertà anche l’ad Di Cursi

di
9 Aprile 2019

Il Tribunale delle Libertà di Palermo ha accolto l’istanza di riesame dei difensori di Blutec anche per la posizione dell’amministratore delegato Cosimo di Cursi, ordinandone l’immediata liberazione.

Come era avvenuto due settimane fa per il presidente Roberto Ginatta, anch’egli assistito dallo Studio Grande Stevens di Torino, Milano e Roma, liberato dagli arresti domiciliari con la stessa motivazione di incompetenza territoriale di Termini Imerese e trasmissione degli atti al Tribunale di Torino. Disposta, inoltre, la restituzione di tutti i beni patrimoniali sequestrati al presidente Ginatta e all’ad di Cursi, per un valore complessivo di circa 13 milioni di euro.

Giuseppe Glorioso resta, per il momento, amministratore giudiziario della Blutec. Si tratta dell’unico provvedimento conservato dai giudici palermitani. La conferma dell’amministratore giudiziario è stata presa, spiegano i legali dello Studio Grande Stevens che difendono Ginatta e di Cursi, nelle more della decisione sulle misure di inibizione all’esercizio delle cariche sociali di Ginatta e di Cursi che si discuteranno il 15 aprile. Il provvedimento dovrà però essere confermato entro 20 giorni dalla trasmissione del fascicolo al Tribunale di Torino, ritenuto territorialmente competente.

Intanto a Roma, oggi 9 aprile, si è tiene un sit-in dei lavoratori Blutec davanti al ministero dello Sviluppo economico, nel giorno in cui si riapre il tavolo con al centro il piano di reindustrializzazione dello stabilimento della provincia di Palermo. I lavoratori coinvolti dalla vertenza sono mille in Sicilia, inclusi i 300 dell’indotto.

 

LEGGI ANCHE:

Blutec, Ginatta torna libero: l’ha deciso il Tribunale del riesame

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.