Blutec, finisce di nuovo in manette il presidente Ginatta :ilSicilia.it

Diverse le ipotesi di reato

Blutec, finisce di nuovo in manette il presidente Ginatta

di
18 Giugno 2020

Il presidente della Blutec Roberto Ginatta, 73 anni, torna di nuovo agli arresti dopo un anno e mezzo per decisione del tribunale di Torino. L’imprenditore torinese avrebbe dovuto rilanciare l’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese (Pa).

Ai domiciliari finiscono il figlio 26enne, Matteo Orlando Ginatta, e Giovanna Desiderato, 76 anni. Sono accusati a vario titolo di riciclaggio, autoriciclaggio e bancarotta fraudolenta patrimoniale, documentale e da reato societario.

Con lo stesso provvedimento il gip ha disposto il sequestro preventivo dell’intero complesso aziendale della holding Mog srl, che nell’ultimo bilancio ha iscritto partecipazioni per oltre otto milioni di euro, di proprietà di Matteo Orlando Ginatta e formalmente amministrata da Giovanna Desiderato, che controlla indirettamente la Alcar Industrie s.r.l. con sedi a Lecce e Vaie (To). Quote societarie e disponibilità finanziarie del valore di circa 4 milioni di euro.

La società in sequestro è stata affidata a un amministratore giudiziario che continuerà a gestirla nell’interesse pubblico. L’attività costituisce la prosecuzione del filone investigativo sviluppato dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo, inizialmente con la Procura di Termini Imerese e poi trasferito per competenza alla Procura di Torino, che ha già portato nel corso del 2019 dapprima al sequestro della Blutec Spa, oggi in amministrazione straordinaria, e, successivamente, anche della capogruppo Metec Spa.

Roberto Ginatta già amministratore della Blutec Spa e legale rappresentante della Metec Spa è accusato di aver: distratto circa 16,5 milioni di euro di finanziamenti pubblici, erogati dalla Regione Siciliana per il tramite di Invitalia (quale referente del Ministero dello Sviluppo Economico), per sostenere il programma di sviluppo finalizzato alla riconversione e riqualificazione del polo industriale di Termini Imerese (Pa), che prevedeva la realizzazione di una nuova unita’ produttiva presso gli opifici della ex impresa Fca Italy Spa per la produzione di componentistica automotive.

Facevamo bene a chiamarli prenditori. L’arresto di Ginatta e il terremoto giudiziario di Blutec sono la riconferma di un sistema criminogeno che ha lucrato sui soldi delle nostre tasche mandando all’aria anni di sviluppo del nostro territorio e gettato sul lastrico centinaia di famiglie”. A dichiararlo è il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Luigi Sunseri a proposito degli arresti dei vertici di Blutec di Termini Imerese. “E’ fondamentale – spiega il deputato M5S – che adesso si valutino tutte le proposte vere di rilancio del territorio perché, è bene ricordarlo, con l’istituzione delle ZES, gli appetiti illeciti potrebbero aumentare. Il Governo Conte non abbandonerà Termini Imerese, un territorio che paga lo scotto di una politica sorda e miope del recente passato che ha aperto le porte a ‘prenditori’ come Ginatta. Il tempo è un gran galantuomo” – conclude Sunseri.

Una speranza delusa, Blutech,  per il rilancio di Termini Imerese : “Eravamo convinti che, avendo superato l’esame di Invitalia, il piano industriale potesse andare avanti. Invece abbiamo scoperto che anche loro erano truffaldini come e più degli altri. E a pagare sono come sempre i lavoratori che non hanno avuto certezze nemmeno sul pagamento del tfr“. Così si è espresso Vincenzo Comella, segretario Uilm Palermo sull’arresto di Ginatta, nuovo capitolo della tormentata vicenda dello stabilimento ex Fiat di Termini Imerese.

Oggi per gli stabilimenti ex Fiat della città a 40 chilometri da Palermo, sono state avanzate nuove manifestazioni di interesse. “L’auspicio è che stavolta Invitalia e Mise abbiano la capacità di verificare la situazione economica e il passato dell’aziende e degli uomini che la compongono – conclude Comella – Termini  è allo stremo e non si può più permettere altri fallimenti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin