13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.59
Palermo

Uilm Palermo: "Basta spot"

Blutec, l’ex stabilimento Fiat di Termini nel mirino dei cinesi

6 Marzo 2019

L’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese nel mirino dei cinesi. È questa l’ultima novità venuta fuori dal vertice di ieri pomeriggio presso il Mise.

“Sono stati rappresentati contatti con un’azienda cinese che, in settimana, invierà propri dirigenti in città al fine di visitare lo stabilimento e le sue strutture”. Lo rivela il sindaco di Termini, Francesco Giunta, presente all’incontro di oggi al Ministero dello Sviluppo Economico, insieme al vicecapo di Gabinetto, Sorial, e all’ad di Blutec.

sindaco termini imerese
Francesco Giunta

“A margine dell’incontro abbiamo assistito alla solita elencazione, a cura dell’ad di Blutec, di idee e progetti che purtroppo, ad oggi, non ci forniscono alcuna certezza. Sono stati rappresentati contatti con un’azienda cinese che, in settimana, invierà propri dirigenti in città al fine di visitare lo stabilimento e le sue strutture. Troppe incertezze, tenuto anche conto che a fine giugno gli ammortizzatori sociali concessi, straordinariamente, dal Governo, andranno a concludersi – aggiunge Giunta -. Devono essere chiariti i rapporti tra Invitalia e Blutec, soprattutto in merito al piano di rientro delle somme da restituire. Il Governo ha fatto ciò che poteva ora le risposte le fornisca l’azienda”, spiega il sindaco.

Entro fine mese previste 20 nuove assunzioni nello stabilimento. Il tavolo tecnico è ancora in corso.

Per Enzo Comella, segretario della Uilm Palermo, si tratterebbe di uno spot: “Ancora un nuovo piano industriale? Restiamo perplessi. Basta spot, si pensi ai lavoratori. Blutec continua a presentare piani di sviluppo e nuove vetture da costruire nell’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese, come le piccole auto elettriche dei produttori cinesi Jiayuan e Xsev. Apprezziamo lo sforzo ma ricordiamo a Blutec che gli operai sono in cassa integrazione da ben cinque anni e nulla si è mai concretizzato sino ad oggi. Da gennaio non è arrivato nemmeno più lo stipendio per i lavoratori e, solo dopo una forte protesta sindacale, il governo nazionale ha deciso di cambiare rotta. Quindi ad oggi le nostre perplessità rimangono e forti. Chiediamo risposte concrete e non annunci spot”.

“Mettere in produzione nuovi mezzi, ammesso e concesso che gli incontri vadano a buon fine, è tutto da verificare. Speriamo non si perda altro tempo a danno dei lavoratori. Intanto il prossimo 9 aprile è previsto un altro incontro alle 15. La volontà del governo nazionale è di mantenere un tavolo permanente, questo sindacato non starà solo a guardare”.

 

LEGGI ANCHE:

Blutec, incontro a Termini con Di Maio. Apprendi: “Le aspettative sono state tradite”

Di Maio a Termini Imerese striglia l’ex Fiat: “Fca deve fare la sua parte” | video

Blutec: dopo le proteste Di Maio riceve delegazione | Video

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.