Blutec, l'ex stabilimento Fiat di Termini nel mirino dei cinesi :ilSicilia.it
Palermo

Uilm Palermo: "Basta spot"

Blutec, l’ex stabilimento Fiat di Termini nel mirino dei cinesi

di
6 Marzo 2019

L’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese nel mirino dei cinesi. È questa l’ultima novità venuta fuori dal vertice di ieri pomeriggio presso il Mise.

“Sono stati rappresentati contatti con un’azienda cinese che, in settimana, invierà propri dirigenti in città al fine di visitare lo stabilimento e le sue strutture”. Lo rivela il sindaco di Termini, Francesco Giunta, presente all’incontro di oggi al Ministero dello Sviluppo Economico, insieme al vicecapo di Gabinetto, Sorial, e all’ad di Blutec.

sindaco termini imerese
Francesco Giunta

“A margine dell’incontro abbiamo assistito alla solita elencazione, a cura dell’ad di Blutec, di idee e progetti che purtroppo, ad oggi, non ci forniscono alcuna certezza. Sono stati rappresentati contatti con un’azienda cinese che, in settimana, invierà propri dirigenti in città al fine di visitare lo stabilimento e le sue strutture. Troppe incertezze, tenuto anche conto che a fine giugno gli ammortizzatori sociali concessi, straordinariamente, dal Governo, andranno a concludersi – aggiunge Giunta -. Devono essere chiariti i rapporti tra Invitalia e Blutec, soprattutto in merito al piano di rientro delle somme da restituire. Il Governo ha fatto ciò che poteva ora le risposte le fornisca l’azienda”, spiega il sindaco.

Entro fine mese previste 20 nuove assunzioni nello stabilimento. Il tavolo tecnico è ancora in corso.

Per Enzo Comella, segretario della Uilm Palermo, si tratterebbe di uno spot: “Ancora un nuovo piano industriale? Restiamo perplessi. Basta spot, si pensi ai lavoratori. Blutec continua a presentare piani di sviluppo e nuove vetture da costruire nell’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese, come le piccole auto elettriche dei produttori cinesi Jiayuan e Xsev. Apprezziamo lo sforzo ma ricordiamo a Blutec che gli operai sono in cassa integrazione da ben cinque anni e nulla si è mai concretizzato sino ad oggi. Da gennaio non è arrivato nemmeno più lo stipendio per i lavoratori e, solo dopo una forte protesta sindacale, il governo nazionale ha deciso di cambiare rotta. Quindi ad oggi le nostre perplessità rimangono e forti. Chiediamo risposte concrete e non annunci spot”.

“Mettere in produzione nuovi mezzi, ammesso e concesso che gli incontri vadano a buon fine, è tutto da verificare. Speriamo non si perda altro tempo a danno dei lavoratori. Intanto il prossimo 9 aprile è previsto un altro incontro alle 15. La volontà del governo nazionale è di mantenere un tavolo permanente, questo sindacato non starà solo a guardare”.

 

LEGGI ANCHE:

Blutec, incontro a Termini con Di Maio. Apprendi: “Le aspettative sono state tradite”

Di Maio a Termini Imerese striglia l’ex Fiat: “Fca deve fare la sua parte” | video

Blutec: dopo le proteste Di Maio riceve delegazione | Video

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin