Blutec: sequestrata un'altra villa all'imprenditore Ginatta | VIDEO :ilSicilia.it

il fatto

Blutec: sequestrata un’altra villa all’imprenditore Ginatta | VIDEO

di
15 Gennaio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

I finanzieri del comando provinciale di Palermo, con la collaborazione dei colleghi di Torino, hanno sequestrato beni per un valore di 3 milioni di euro a Roberto Ginatta, accusato di malversazione a danno dello Stato per aver distratto ingenti finanziamenti pubblici, pari a circa 16,5 milioni di euro, nel progetto Blutec per la riqualificazione del polo industriale di Termini Imerese. I soldi erano stati erogati titolo di anticipazione da Invitalia spa (per conto del Ministero dello Sviluppo Economico), per sostenere il programma di riconversione e riqualificazione per la realizzazione di una nuova unita’ produttiva al posto dell’ex stabilimento Fiat in provincia di Palermo.

Il provvedimento di sequestro preventivo è stato emesso dal Tribunale di Torino. A Ginatta, attualmente agli arresti domiciliari, è stato sequestrato un immobile di pregio a Fiano (To). Lo scorso dicembre era già stato eseguito il sequestro di un altro immobile di lusso, a Sestriere, sempre nel torinese, del valore di 1,1 milioni di euro.

L’imprenditore piemontese è accusato, insieme a Cosimo Di Cursi, anche di auto-riciclaggio per aver reimpiegato circa 14 milioni di euro del profitto illecito in attivita’ economiche, imprenditoriali, finanziarie e speculative del circuito economico legale.

La villa, nel Parco Regionale “La Mandria” di Torino, ha un’estensione di 1701 metri e 46,5 vani ed e’ dotata di varie autorimesse e piscina; il bosco circostante, anch’esso sottoposto a sequestro, si sviluppa per quasi 5 ettari. La misura cautelare si aggiunge a quelle personali e reali eseguite lo scorso giugno, sempre su delega dell’autorita’ giudiziaria torinese, nei confronti di Roberto Ginatta, del figlio Matteo Orlando e di Giovanna Desiderato, per bancarotta e riciclaggio nell’ambito della gestione di Blutec spa, in amministrazione straordinaria, della Metec spa, dichiarata fallita l’11 dicembre scorso, e della M.O.G. srl, tutte riconducibili al gruppo familiare dei Ginatta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin