Boato a Palermo: esplose 7 bombole di gas | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

in via Uccello, in zona Molara

Boato a Palermo: esplose 7 bombole di gas | VIDEO

13 Agosto 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sette bombole del gas sono esplose in un capannone tra via Cartieravia Uccello, nella zona Molara, a Palermo. Sul posto sono giunte diverse squadre dei vigili del fuoco.

Secondo una prima ricostruzione le bombole esplose erano utilizzate per cucinare la frittola, una specialità gastronomica costituita da interiora di animali. Al momento dell’esplosione sembra che nessuno si trovasse nella struttura. A lanciare l’allarme intorno alle ore 13:40 sono stati gli abitanti della zona, che è stata messa in sicurezza.

Non ci sono feriti. Qualcuno è stato soccorso per aver inalato fumo e una donna incinta è stata portata in ospedale per precauzione.

«Il casolare – spiegano i pompieri – veniva usato per lavorazione di alimenti da street food in modo casalingo. All’interno si trovavano diverse bombole di GPL, alcune delle quali sono esplose per cause ancora da accertare. Sul posto sono intervenute tre squadre che hanno confinato l’incendio evitando il propagarsi delle fiamme alle abitazioni adiacenti».

SCORRI LE FOTO IN BASSO:

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.