Bocciato il Pums di Palermo. Ferrandelli: "Mozione di sfiducia per Giusto Catania" :ilSicilia.it
Palermo

Il BOTTA E RISPOSTA

Bocciato il Pums di Palermo. Ferrandelli: “Mozione di sfiducia per Giusto Catania”

di
29 Maggio 2020

Continua la guerra, al comune di Palermo, in merito al Pums, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile. A sferrare l’ennesimo attacco, il leader di Più Europa, Fabrizio Ferrandelli.

È tempo di votare la mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore Giusto Catania. Ho già sentito il presidente del Consiglio Comunale questa mattina – spiega Ferrandelli. Sono diversi i punti di criticità e di mancato rispetto istituzionale. La misura è colma! La questione più recente, in ordine di tempo, riguarda la bocciatura del Pums. All’incapacità giornaliera di gestire la mobilità, come dimostrato anche sulla vicenda della Ztl, si aggiunge quella di programmazione. Proprio lui, il sostenitore più accanito del tram, opera da me avversata – continua Ferrandelli – non riesce nemmeno a definirne l’iter e porta a casa una clamorosa bocciatura amministrativa e politica. Mi rivolgo a tutta l’aula, a chi dell’opposizione vorrà sostenerla, affinché condivida con noi lo spirito di questo segnale politico – conclude Ferrandelli – e voti la mozione di sfiducia da me presentata mesi fa”.

La risposta di Giusto Catania non si è fatta attendere. L’assessore difende a spada tratta il Pums di Palermo e smentisce quanto sostenuto da Ferrandelli. In una lunga nota Catania spiega: “Quante bugie sul Pums! Nessuna bocciatura da parte del Ministero, come qualcuno tenta di raccontare in queste ore. Evidentemente si confondono i propri desideri con la realtà dei fatti.
Intanto, la data per definire l’iter del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile è ottobre 2020. Non si è mai vista una bocciatura prima di concludere la procedura! Basterebbe questo dato oggettivo per smentire coloro i quali sperano che la città possa perdere i finanziamenti per infrastrutture strategiche per il trasporto pubblico. Nel merito il Ministero, – prosegue Catania – nella sua periodica osservazione del Piano, ha chiesto all’amministrazione di procedere con integrazioni, alcune delle quali hanno già trovato riscontro. Infatti la giunta comunale ha integrato, qualche giorno fa, il PUMS con il piano di monitoraggio e i relativi indicatori; col quadro conoscitivo del Trasporto pubblico; con l’avvio della fase partecipativa del monitoraggio, pubblicando sul sito istituzionale un questionario di consultazione. Inoltre, siamo di attesa della Valutazione Strategica Ambientale da parte della Regione. Il Ministero – conclude l’assessore – ha scritto che il Pums è vicinissimo al raggiungimento dei parametri di sufficienza (lo ha scritto prima delle integrazioni già adottate dalla Giunta!) e ha esplicitamente apprezzato il percorso partecipativo svolto dall’amministrazione nella fase di redazione del PumsNel frattempo gli uffici tecnici stanno lavorando alle ulteriori integrazioni prima di mandare il Piano al Consiglio comunale per l’approvazione definitiva. Questi sono i fatti. Il resto sono desideri o illazioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.