16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Messina

La nota di Capitalemessina

Bocciatura del Piano di Riequilibrio: “La giunta faccia autocritica, occorre il dialogo”

3 Marzo 2018

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di CapitaleMessina a firma di Gianfranco Salmeri.

Alcune considerazioni sulla bocciatura del Piano di riequilibrio. Se l’Amministrazione non riesce a convincere, ha la principale responsabilità dell’insuccesso. Avremmo voluto vedere Accorinti a Palazzo Zanca, non sotto il ponte di Brooklyn.

Alcune brevi considerazioni, se ci è concesso, sulle polemiche che hanno attraversato la politica cittadina in queste settimane, nella speranza di non esasperare i toni ma anzi di riportare il dibattito sul piano della ragionevolezza.

La Politica, quando è arte nobile, ha lo scopo di perseguire il benessere collettivo, attraverso la conquista del consenso del contesto sociale di riferimento e la mediazione “alta” con le altre parti politiche.

Ma non ci è sembrato questo il metodo, né adesso, tantomeno nel passato, dell’Amministrazione Accorinti.  I fatti di queste ultime settimane ce ne danno la conferma.

Sulla famigerata “Variante Salvacolline”, ad esempio, è riuscita a coagulare la ferma opposizione di ordini professionali, forze produttive e sociali, movimenti e partiti politici; insomma tutta la città contro.

capitalemessinaQuindi, pur non entrando nel merito delle linee strategiche della stessa variante, che continuano comunque a non convincerci, si deve registrare l’assoluta incapacità o mancanza di volontà da parte dell’Amministrazione nel saper convincere la città del valore di questo strumento urbanistico.

Altro, doloroso capitolo, è quello della bocciatura del Piano di riequilibrio ed anche in questo caso vogliamo evitare di entrare nel dettaglio tecnico, e neanche distribuire torti o ragioni nella polemica tra giunta e consiglio comunale.

Se però l’Amministrazione Accorinti in questi cinque anni, pur rappresentata da una sparuta truppa di consiglieri comunali, è riuscita tante volte a far approvare i propri atti dal consiglio comunale, evidentemente non vi è mai stata una forte opposizione pregiudiziale.

Quindi se qualcosa non ha funzionato questa volta, forse la giunta anziché strepitare, dovrebbe fare autocritica: non è certo l’imposizione, lo strumento per ottenere risultati politici ma, come abbiamo premesso, la condivisione degli obiettivi e la mediazione sui percorsi per raggiungerli.

E se vogliamo dirla tutta, in un momento così delicato per la città avremmo preferito vedere le foto del sindaco Accorinti a Palazzo Zanca, a parlare con i consiglieri comunali, anziché quella sotto il ponte di Brooklyn.

La dialettica democratica funziona così: se l’Amministrazione non ottiene il consenso, sociale e politico, sui propri atti, ne ha la diretta responsabilità politica; sono gli assessori a fallire, non altri. E i cittadini ne pagano le conseguenze.

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.