Bocciatura del Piano di Riequilibrio: "La giunta faccia autocritica, occorre il dialogo" :ilSicilia.it
Messina

La nota di Capitalemessina

Bocciatura del Piano di Riequilibrio: “La giunta faccia autocritica, occorre il dialogo”

di
3 Marzo 2018

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di CapitaleMessina a firma di Gianfranco Salmeri.

Alcune considerazioni sulla bocciatura del Piano di riequilibrio. Se l’Amministrazione non riesce a convincere, ha la principale responsabilità dell’insuccesso. Avremmo voluto vedere Accorinti a Palazzo Zanca, non sotto il ponte di Brooklyn.

Alcune brevi considerazioni, se ci è concesso, sulle polemiche che hanno attraversato la politica cittadina in queste settimane, nella speranza di non esasperare i toni ma anzi di riportare il dibattito sul piano della ragionevolezza.

La Politica, quando è arte nobile, ha lo scopo di perseguire il benessere collettivo, attraverso la conquista del consenso del contesto sociale di riferimento e la mediazione “alta” con le altre parti politiche.

Ma non ci è sembrato questo il metodo, né adesso, tantomeno nel passato, dell’Amministrazione Accorinti.  I fatti di queste ultime settimane ce ne danno la conferma.

Sulla famigerata “Variante Salvacolline”, ad esempio, è riuscita a coagulare la ferma opposizione di ordini professionali, forze produttive e sociali, movimenti e partiti politici; insomma tutta la città contro.

capitalemessinaQuindi, pur non entrando nel merito delle linee strategiche della stessa variante, che continuano comunque a non convincerci, si deve registrare l’assoluta incapacità o mancanza di volontà da parte dell’Amministrazione nel saper convincere la città del valore di questo strumento urbanistico.

Altro, doloroso capitolo, è quello della bocciatura del Piano di riequilibrio ed anche in questo caso vogliamo evitare di entrare nel dettaglio tecnico, e neanche distribuire torti o ragioni nella polemica tra giunta e consiglio comunale.

Se però l’Amministrazione Accorinti in questi cinque anni, pur rappresentata da una sparuta truppa di consiglieri comunali, è riuscita tante volte a far approvare i propri atti dal consiglio comunale, evidentemente non vi è mai stata una forte opposizione pregiudiziale.

Quindi se qualcosa non ha funzionato questa volta, forse la giunta anziché strepitare, dovrebbe fare autocritica: non è certo l’imposizione, lo strumento per ottenere risultati politici ma, come abbiamo premesso, la condivisione degli obiettivi e la mediazione sui percorsi per raggiungerli.

E se vogliamo dirla tutta, in un momento così delicato per la città avremmo preferito vedere le foto del sindaco Accorinti a Palazzo Zanca, a parlare con i consiglieri comunali, anziché quella sotto il ponte di Brooklyn.

La dialettica democratica funziona così: se l’Amministrazione non ottiene il consenso, sociale e politico, sui propri atti, ne ha la diretta responsabilità politica; sono gli assessori a fallire, non altri. E i cittadini ne pagano le conseguenze.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin