Bocciatura del Piano di Riequilibrio: "La giunta faccia autocritica, occorre il dialogo" :ilSicilia.it
Messina

La nota di Capitalemessina

Bocciatura del Piano di Riequilibrio: “La giunta faccia autocritica, occorre il dialogo”

3 Marzo 2018

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di CapitaleMessina a firma di Gianfranco Salmeri.

Alcune considerazioni sulla bocciatura del Piano di riequilibrio. Se l’Amministrazione non riesce a convincere, ha la principale responsabilità dell’insuccesso. Avremmo voluto vedere Accorinti a Palazzo Zanca, non sotto il ponte di Brooklyn.

Alcune brevi considerazioni, se ci è concesso, sulle polemiche che hanno attraversato la politica cittadina in queste settimane, nella speranza di non esasperare i toni ma anzi di riportare il dibattito sul piano della ragionevolezza.

La Politica, quando è arte nobile, ha lo scopo di perseguire il benessere collettivo, attraverso la conquista del consenso del contesto sociale di riferimento e la mediazione “alta” con le altre parti politiche.

Ma non ci è sembrato questo il metodo, né adesso, tantomeno nel passato, dell’Amministrazione Accorinti.  I fatti di queste ultime settimane ce ne danno la conferma.

Sulla famigerata “Variante Salvacolline”, ad esempio, è riuscita a coagulare la ferma opposizione di ordini professionali, forze produttive e sociali, movimenti e partiti politici; insomma tutta la città contro.

capitalemessinaQuindi, pur non entrando nel merito delle linee strategiche della stessa variante, che continuano comunque a non convincerci, si deve registrare l’assoluta incapacità o mancanza di volontà da parte dell’Amministrazione nel saper convincere la città del valore di questo strumento urbanistico.

Altro, doloroso capitolo, è quello della bocciatura del Piano di riequilibrio ed anche in questo caso vogliamo evitare di entrare nel dettaglio tecnico, e neanche distribuire torti o ragioni nella polemica tra giunta e consiglio comunale.

Se però l’Amministrazione Accorinti in questi cinque anni, pur rappresentata da una sparuta truppa di consiglieri comunali, è riuscita tante volte a far approvare i propri atti dal consiglio comunale, evidentemente non vi è mai stata una forte opposizione pregiudiziale.

Quindi se qualcosa non ha funzionato questa volta, forse la giunta anziché strepitare, dovrebbe fare autocritica: non è certo l’imposizione, lo strumento per ottenere risultati politici ma, come abbiamo premesso, la condivisione degli obiettivi e la mediazione sui percorsi per raggiungerli.

E se vogliamo dirla tutta, in un momento così delicato per la città avremmo preferito vedere le foto del sindaco Accorinti a Palazzo Zanca, a parlare con i consiglieri comunali, anziché quella sotto il ponte di Brooklyn.

La dialettica democratica funziona così: se l’Amministrazione non ottiene il consenso, sociale e politico, sui propri atti, ne ha la diretta responsabilità politica; sono gli assessori a fallire, non altri. E i cittadini ne pagano le conseguenze.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.