Bocciatura piano triennale opere pubbliche, caos al Comune di Palermo: giunta contro Italia Viva :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

il fatto

Bocciatura piano triennale opere pubbliche, caos al Comune di Palermo: giunta contro Italia Viva

di
16 Aprile 2021

La bocciatura in consiglio comunale del piano triennale per le opere pubbliche di Palermo è stata la goccia che ha fatto traboccare Leoluca Orlando contro i consiglieri e gli assessori di Italia Viva, responsabili con le loro sei astensioni, della mancata approvazione del piano. Dopo le divisioni in commissione urbanistica anche in aula la maggioranza si spacca.

A partire dalla bocciatura del piano per la riqualificazione dell’area del mercato ittico, la mancata sospensione del regolamento sulle sanzioni per l’evasione, passando per la bocciatura del bilancio consolidato, per la mancata approvazione dei regolamenti sui beni comuni e sui beni confiscati, e oggi del piano triennale delle Opere pubbliche, si assiste al ripetersi di voti ‘anomali’ da parte di consiglieri comunali che pure affermano di condividere e sostenere le scelte strategiche e l’operato dell’amministrazione e che sono rappresentati all’interno della Giunta comunale – sottolineano in una nota Orlando, il vicesindaco Fabio Giambrone, gli assessori Catania, Di Dio, Marano, Marino, Mattina, Petralia Camassa, Prestigiacomo e Zito – Si tratta evidentemente non di più episodi, ma di scelte che riteniamo inaccettabili, frutto di un approccio ai rapporti interni alla coalizione, che rischia di causare danni insostenibili e forse irreversibili alla città. Continueremo a pensare e ad agire con un approccio di squadra. E’ ovvio che chi non ha tale approccio e chi non lo manifesta con scelte amministrative concrete si pone di fatto al di fuori di un percorso politico e amministrativo“.

Il voto sul Piano Triennale delle Opere Pubbliche in Consiglio Comunale, a Palermo, conferma che abbiamo avuto sempre ragione a sostenere l’assoluta incompatibilità tra l’area progressista, la sinistra e Italia Viva. Lo diciamo da tempo, senza alcun pregiudizio, ma constatando i fatti e sostenendo che per il futuro della città una coalizione con i renziani non sia proponibile sul piano politico, per la profonde differenze culturali esistenti. Il documento politico della Giunta di Palermo, pertanto è un atto che salutiamo con apprezzamento. Finalmente un deciso e chiaro freno, verso una forza agli antipodi dalla nostra cultura politica” afferma Ninni Terminelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco