Bocciatura piano triennale opere pubbliche, caos al Comune di Palermo: giunta contro Italia Viva :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Bocciatura piano triennale opere pubbliche, caos al Comune di Palermo: giunta contro Italia Viva

di
16 Aprile 2021

La bocciatura in consiglio comunale del piano triennale per le opere pubbliche di Palermo è stata la goccia che ha fatto traboccare Leoluca Orlando contro i consiglieri e gli assessori di Italia Viva, responsabili con le loro sei astensioni, della mancata approvazione del piano. Dopo le divisioni in commissione urbanistica anche in aula la maggioranza si spacca.

A partire dalla bocciatura del piano per la riqualificazione dell’area del mercato ittico, la mancata sospensione del regolamento sulle sanzioni per l’evasione, passando per la bocciatura del bilancio consolidato, per la mancata approvazione dei regolamenti sui beni comuni e sui beni confiscati, e oggi del piano triennale delle Opere pubbliche, si assiste al ripetersi di voti ‘anomali’ da parte di consiglieri comunali che pure affermano di condividere e sostenere le scelte strategiche e l’operato dell’amministrazione e che sono rappresentati all’interno della Giunta comunale – sottolineano in una nota Orlando, il vicesindaco Fabio Giambrone, gli assessori Catania, Di Dio, Marano, Marino, Mattina, Petralia Camassa, Prestigiacomo e Zito – Si tratta evidentemente non di più episodi, ma di scelte che riteniamo inaccettabili, frutto di un approccio ai rapporti interni alla coalizione, che rischia di causare danni insostenibili e forse irreversibili alla città. Continueremo a pensare e ad agire con un approccio di squadra. E’ ovvio che chi non ha tale approccio e chi non lo manifesta con scelte amministrative concrete si pone di fatto al di fuori di un percorso politico e amministrativo“.

Il voto sul Piano Triennale delle Opere Pubbliche in Consiglio Comunale, a Palermo, conferma che abbiamo avuto sempre ragione a sostenere l’assoluta incompatibilità tra l’area progressista, la sinistra e Italia Viva. Lo diciamo da tempo, senza alcun pregiudizio, ma constatando i fatti e sostenendo che per il futuro della città una coalizione con i renziani non sia proponibile sul piano politico, per la profonde differenze culturali esistenti. Il documento politico della Giunta di Palermo, pertanto è un atto che salutiamo con apprezzamento. Finalmente un deciso e chiaro freno, verso una forza agli antipodi dalla nostra cultura politica” afferma Ninni Terminelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.