Bolognari: "Senza ristoro sulle entrate Taormina dovrà dichiarare default" :ilSicilia.it
Messina

appello del sindaco al governo Conte

Bolognari: “Senza ristoro sulle entrate Taormina dovrà dichiarare default”

di
16 Luglio 2020

“O si modificano subito le cifre destinate ai comuni per il ristoro delle minori entrate di quest’anno o non si potrà fare altro che dichiarare il dissesto e anche per noi sarà così. ù

Il messaggio all’indirizzo del Governo Conte è stato rivolto dal sindaco di Taormina Mario Bolognari, che ha chiesto all’Esecutivo nazionale di rivedere d’urgenza la previsioni degli stanziamenti inseriti nel Decreto Rilancio per quanto riguarda la Città di Taormina. Il primo cittadino non fa mistero dello scenario che incombe sul Comune: il rischio è quello del default.

“Siamo di fronte ad un calo delle presenze turistiche che è spaventoso e di conseguenza lo è anche delle entrate per il Comune – ha evidenziato Bolognari -, a fronte del quale le misure previste dallo Stato per il ristoro parziale delle somme non sono sufficienti e non ci soddisfano in alcun modo. Non è pensabile che ci vengano dati 500 mila euro per la tassa di soggiorno, su un introito del 2019 che è stato di oltre 3 milioni di euro, che evidentemente quest’anno non ci saranno e che lo Stato ci riconosca praticamente meno del 20% di una somma che per la quasi totalità verrà a mancare nel bilancio del comune. Se cosi dovessero andare le cose, se cioè non verrà modificata questa previsione, il Comune di Taormina non potrebbe chiudere il bilancio di previsione 2020 e dovrebbe dichiarare il dissesto. Senza contare che le cifre sono insufficienti anche su altri fronti come l’Imu alberghiere, la tassa per l’occupazione del suolo pubblico e i parcheggi. Le cifre vanno cambiate adesso e rese idonee subito: spostare in avanti i tempi eventualmente per l’approvazione dei bilanci non cambia niente. Il Comune di Taormina ha posto il problema all’Anci e anche presso la Regione Siciliana ed il Parlamento, e ora aspettiamo una risposta”. In questo sfortunato 2020 Taormina teme un crollo eloquente sull’imposta di soggiorno e si rischia di passare dall’introito di 3 milioni e 400 mila euro del 2019 a un’assai più modesta somma ipotizzata stavolta in 700 mila euro: ecco perché poi a ben poco servono i 500 mila euro previsti dallo Stato come “ristoro” per l’incasso perso.

Ad oggi, per il ristoro delle minori entrate derivanti dalle esenzioni dall’Imu per il settore turistico Taormina ottiene solo 425.592,91 euro; e sull’esonero dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (Tosap/Cosap), con riferimento alle occupazioni dei pubblici esercizi vengono destinati alla Perla dello Ionio 153.092,39. E poi, come detto, ci sono i 500 mila euro per l’imposta di soggiorno. C’è un baratro, insomma, davanti al destino del Comune di Taormina se non si riuscirà a rimpinguare il quantum destinato dal Governo alla cittadina ionica, che già prima della crisi Covid era alle prese con ingenti cifre non riscosse e su un gettito complessivo di 30 milioni di tributi annui, ne riusciva in pratica ad introitare 18 milioni mentre altri 12 sono rimasti nelle “tasche dei contribuenti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.