Bolognetta-Lercara, anticipati 29 licenziamenti. Protestano i sindacati :ilSicilia.it
Palermo

La ditta Bolognetta scpa avanza pagamenti dall'Anas

Bolognetta-Lercara, anticipati 29 licenziamenti. Protestano i sindacati

di
25 Gennaio 2018

PALERMO – Stanno per scattare in anticipo altri licenziamenti al cantiere della Bolognetta-Lercara. Oggi la contraente generale, la Bolognetta Scpa, ha annunciato la decisione di voler licenziare da lunedì altri 29 dei 90 attuali lavoratori.

Nel corso di un incontro richiesto da Feneal, Filca e Fillea, preoccupati per lo stato dei lavori, che procedono a singhiozzo, la direzione del cantiere ha confermato l’esistenza di una situazione di difficoltà finanziaria. L’Anas non ha, infatti, ancora riconosciuto alla Bolognetta scpa il pagamento dello stato di avanzamento lavori per le opere eseguite entro il 31 dicembre. E per tale motivo le imprese affidatarie hanno da tre settimane interrotto i lavori. L’azienda oggi ha inoltre comunicato che, senza la redazione della perizia di variante, c’è il pericolo di dover sospendere ad aprile l’attività produttiva.

Contro l’accelerazione rispetto al piano di licenziamenti previsto si sono schierati i sindacati. “Il piano di esuberi concordato con l’azienda prevedeva un intervento dilazionato nel tempo – dichiarano i tre segretari generale di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Palermo – Si parlava di 57 esuberi spalmati da ottobre 2017 fino ad aprile. In sostanza, l’azienda ci ha chiesto di anticipare il piano dei licenziamenti. Siamo in piena crisi, in edilizia anche un mese in più di lavoro per un operaio non è un particolare di poco conto”. I primi 28 lavoratori della Bolognetta Scpa sono stati licenziati tra ottobre e i primi gennaio.

Nel corso della riunione l’azienda si è comunque resa disponibile a concordare in alternativa un periodo di ferie a turno di 15 giorni in attesa che arrivi la decisione di di Anas. Domani, dalle 7 alle 8, si terrà un’assemblea, al cantiere Bolognetta-Lercara, dopo lo svincolo di Mezzojuso, per chiedere il parere dei lavoratori e stabilire eventuali azioni di lotta.

“E assurdo che per per problemi burocratici e decisioni che vanno per le lunghe a farne le spese siano i lavoratori – commentano Baudo, D’Anca e Piastra – Chiediamo ad Anas, al ministero Infrastrutture e alla contraente generale di fare tutti gli adempimento per rilanciare il cantiere e metterlo nelle condizioni di tornare a pieno regime produttivo, per assorbire tutti i lavoratori, risolvendo i problemi economici e finanziari che persistono”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.