Bolognetta-Lercara, i sindacati chiedono il rinvio dell'incontro per l'accordo sulle procedure di licenziamento :ilSicilia.it
Palermo

Gli operai oggi in sciopero

Bolognetta-Lercara, i sindacati chiedono il rinvio dell’incontro per l’accordo sulle procedure di licenziamento

di
5 Ottobre 2017

Feneal, Filca, Fillea chiedono di rinviare l’appuntamento, fissato per domani alle 9, alla direzione territoriale del Lavoro, per l’accordo sulla procedura di riduzione del personale. “Abbiamo chiesto all’azienda, e lo chiediamo anche alla direzione territoriale, di rimandare l’incontro per acquisire l’esito del confronto con Anas che si terrà l’11”, dicono per Ignazio Baudo per la Feneal, Paolo D’Anca per Filca, Francesco Piastra per Fillea. E intanto oggi, con la preoccupazione che aumenta, gli operai sono di nuovo in sciopero per protestare contro la decisione dell’azienda di voler forzare i termini della procedura.

Dalla Bolognetta Scpa la risposta arrivata ieri è stata negativa: la società contraente intende chiudere la procedura e far partire i licenziamenti dei 61 operai a tempo indeterminato a partire da lunedì 9. “E’ una posizione per noi inaccettabile – aggiungono i sindacati degli edili – Non ci risulta che l’Anas abbia assunto alcuna decisione inerente alla modifica progettuale dell’ammodernamento della Palermo-Lercara. Prospettare quindi una riduzione del personale è ingiustificato. Chiediamo, anche per rispetto istituzionale, di attendere l’incontro di mercoledì prossimo con l’assessore alle Infrastrutture Luigi Bosco, l’Anas, l’azienda e i sindacati”. “Se è vero che è in corso – aggiungono Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastrauna trattativa con Anas da parte del contraente generale Bolognetta spca su una perizia di variante, o su una sospensione momentanea del cantiere, ci sarebbero le motivazioni per fare ricorso alla cassa integrazione, in attesa che l’ente assuma una decisione. Al posto dei licenziamenti si potrebbero utilizzare ammortizzatori sociali conservativi del rapporto di lavoro”.

L’opera al momento è quasi ferma. “Su questa vicenda pesa il silenzio del ministero alle Infrastrutture, che continua a dare rassicurazioni ai sindaci mentre l’opera di fatto langue e le aziende dell’indotto ferme mentre c’è ancora molto lavoro da fare. Da tempo chiediamo che il ministero si occupi della questione. Invece si continua a fare e propaganda sui milioni di euro stanziati per futuri cantieri e non si riesce a concludere opere in corso che rischiano di rimanere delle incompiute”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin