Bomba al Porto di Palermo: domani in 7mila dovranno lasciare casa :ilSicilia.it
Palermo

evacuazione alle 7 del mattino per l'ordigno bellico da far brillare

Bomba al Porto di Palermo: domani in 7mila dovranno lasciare casa

di
12 Settembre 2020

Tutto è pronto per far brillare la bomba della Seconda guerra mondiale trovata nella zona del porto di Palermo.

L’ora X scatta domani alle 7 di domenica: per quell’ora una porzione del centro di Palermo, oltre settemila residenti, dovrà essere vuota per consentire il disinnesco dell’ordigno bellico di 600 libbre (272 chili, di cui 100 di esplosivo), rinvenuto in un fortino nascosto dall’erba all’interno del Porto. Si tratta del primo disinnesco in Italia in era Covid.

“C’è stata un’altra evacuazione nel 2016 quando è stata trovata una bomba al Castello a Mare – dice un abitante, Rosario Chiarelli – Allora tutto andò liscio. Non abbiamo molta preoccupazione. Da casa mia ho visto passo passo i lavori svolti dall’Esercito che ha preparato con cura tutte le strutture necessarie per mettere in sicurezza l’ordigno. Siamo fiduciosi che presto potremo tornare nelle nostre abitazioni”.

Sono 63 le strade, vie, piazze e cortili da evacuare in un raggio di 400 metri dal punto in cui la bomba si trova. Da via Crispi verso il mare – comprendendo quindi tutta l’area portuale – viene indicata come “zona rossa” nella mappa diffusa nelle comunicazioni diramate dal Comune. A monte di via Crispi, invece, la zona gialla in cui vi sono 2.512 famiglie residenti (circa 5600 persone), più circa 1.700 domiciliati non residenti.

Ricadono nella zona anche 4 case di cura e 120 portatori di handicap.

Scongiurata l’evacuazione del carcere Ucciardone, ipotizzata in un a fase iniziale. Le operazioni di disinnesco che saranno curate dal reggimento Genio guastatori dell’esercito. Il Comune ha predisposto 3 centri di accoglienza: alla stadio comunale, al Pala Uditore e al Pala Oreto e un centro raccolta a piazza Sturzo da cui partiranno le navette gratuite verso i 3 punti di accoglienza, oltre ai mezzi della Protezione civile.

 

 

LEGGI ANCHE:

Bomba al porto di Palermo: disinnesco il 13 settembre, centinaia le case da evacuare

Disinnesco della bomba al Porto di Palermo: si allarga la zona da evacuare, ecco le strade coinvolte

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco