Bomba d'acqua a Palermo, Ferrandelli vuole la testa di Orlando: "Se non si dimette, mozione di sfiducia" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Le parole del consigliere comunale

Bomba d’acqua a Palermo, Ferrandelli vuole la testa di Orlando: “Se non si dimette, mozione di sfiducia” | VIDEO

di
16 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Fabrizio Ferrandelli, consigliere comunale di Palermo, come tanti cittadini si è trovato suo malgrado a dover affrontare una situazione drammatica provocata dalla bomba d’acqua di ieri, mentre si trovava con le sue figlie in auto, dalla quale è riuscito a venir fuori anche grazie all’aiuto di alcuni palermitani che lo hanno aiutato a portarsi in salvo, fornendo coperte.

Sono ancora scosso, mi trovavo sotto il cavalcavia di via Leonardo da Vinci-Viale Lazio con le mie figlie. Sono riuscito per una frazione di secondo a liberarle dai seggiolini e a uscire nonostante la pressione sulle portiere fosse forte, aprendo anche il cofano e facendo defluire l’acqua. Dopo pochi secondi l’auto è andata giù“, è il terribile racconto di Ferrandelli.

Dopo il momento del silenzio per la triste giornata per la città, adesso, per Ferrandelli, è il tempo di individuare le responsabilità: “Ho fatto richiesta formale di accesso agli atti – afferma il consigliere comunale-, voglio sapere quando è stata effettuata l’ultima manutenzione. C’è stato un piano di sicurezza che non ha funzionato“.

Ferrandelli punta il dito contro il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: “Il sindaco è la prima autorità sanitaria di una città, il responsabile della Protezione civile cittadina. Se non sei nelle condizione di mantenere il defluire delle acque nei canali idrici dei chiudere le strade tempestivamente“. Poi la stoccata: “Credo che per dignità debba darle, ma credo che davanti a una responsabilità politica oggettiva come questa il sindaco si debba dimettere. E se non lo farà, invito tutti i consiglieri comunali che hanno a cuore questa città a presentare una mozione di sfiducia per mettere il sindaco e chi vorrà sostenerlo di fronte alle proprie responsabilità“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.