Bombe belliche, inquinamento e rinnovabili. A Palermo il punto per la tutela del mare :ilSicilia.it
Palermo

L’inquinamento delle acque marine e costiere

Bombe belliche, inquinamento e rinnovabili. A Palermo il punto per la tutela del mare

di
25 Maggio 2017
Bonifica ordigno bellico in mareSi è svolto oggi presso la Sala Stella Maris dell’Autorità Portuale di Palermo il convegno “Analisi dell’impatto delle attività marittime e portuali su mari e coste e proposta di azioni di tutela ambientale”, previsto all’interno del “Festival dello sviluppo sostenibile 2017”, promosso da Asvis con Autorità portuale e Aias. Si è trattato di un incontro specifico sui temi di tutela dell’ambiente marittimo e costiero, tramite l’analisi dell’impatto delle attività costiere e marittime sull’ecosistema e la proposta di azioni mirate e strutturate in singoli progetti da applicare in tutte le aree costiere della penisola.

In particolare sono stati affrontati temi come le bonifiche da ordigni bellici, l’applicazione delle energie rinnovabili, l’inquinamento delle acque da metalli pesanti, l’impatto delle attività del settore petrolchimico e di quelle dei porti turistici sull’ambiente marino, il ritiro dei rifiuti da bordo delle navi, quest’ultimo argomento affrontato da Renato Coroneo, responsabile dell’Area operativa dell’Autorità portuale di Palermo.

Numerosi gli altri interventi tra cui quello del presidente dell’Autorità portuale di Palermo, Vincenzo Cannatella: “L’Autorità portuale ha di recente affidato il servizio di raccolta rifiuti prodotti dalle navi in porto, con una riduzione delle tariffe preesistenti, a tutto vantaggio dell’utenza dello scalo palermitano. Quindi costi abbattuti nel rispetto dell’ambiente”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin