Bonifica di aree inquinate, un bando da venti milioni di euro :ilSicilia.it

per le pubbliche amministrazioni

Bonifica di aree inquinate, un bando da venti milioni di euro

26 Marzo 2020

Nuovo bando per la bonifica di aree inquinate in Sicilia. Saranno finanziati interventi di bonifica e di messa in sicurezza permanente di vecchie discariche che ricadono nell’isola.

Il Dipartimento Acqua e rifiuti della Regione ha lanciato un preavviso per permettere a tutti i potenziali beneficiari di attivarsi in tempo e avviare le procedure necessarie a partecipare alla selezione.

Per accedere al bando enti locali ed enti pubblici indicati nel programma operativo Fesr dovranno prima attuare tutto ciò che è previsto dalla normativa per accertare l’effettivo obbligo di bonifica.

La dotazione finanziaria dell’avviso pubblico sarà pari a circa venti milioni di euro. Saranno ammissibili gli interventi sulle discariche pubbliche dismesse, censite nel piano regionale delle bonifiche o rientranti nelle perimetrazioni nazionali.

Non saranno invece finanziabili progetti sulle “aree produttive” (siti industriali, commerciali, minerari e cave, così come definiti nel Piano) e sulle discariche private.

Al bando per la bonifica di aree inquinate potranno partecipare le amministrazioni pubbliche che risponderanno ai requisiti di ammissibilità che saranno definiti nel bando.

I progetti dovranno essere accompagnati dall’approvazione degli esiti dell’analisi di rischio, e la localizzazione dell’intervento dovrà essere in aree di proprietà pubblica dichiarate di pubblica utilità o sottoposte a espropri finalizzati a provvedimenti di recupero di qualità ambientale

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona