26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Palermo

Marianna Flauto scrive all'assessore Razza

Bonino Pulejo: licenziati 51 lavoratori sanitari. L’appello della Uiltucs

18 Febbraio 2019

Ancora pochi giorni di lavoro per 51 operatori sanitari che lavorano nella sede palermitana dell’Irccs Centro neurolesi Bonino Pulejo. Si tratta di dipendenti della Pfe, una società di servizi che all’Istituto fornisce assistenza infermieristica, supporto sanitario e facchinaggio.

La società ha spiegato ai lavoratori che la commessa terminerà il 31 marzo prossimo e con molta probabilità non verrà rinnovata. Nel frattempo, infatti, l’istituto sta provvedendo a completare le procedure concorsuali per la selezione del personale sanitario necessario per svolgere le stesse mansioni svolte dai lavoratori impiegati nell’appalto. In altre parole il servizio sarà progressivamente internalizzato o almeno così sembra, sottolinea la Uiltucs.

marianna-flauto
Marianna Flauto

Per questo la segretaria regionale del sindacato, Marianna Flauto, ha scritto all’assessorato regionale alla Salute e alla commissione Lavoro all’Ars per chiedere un incontro urgente. “Il personale impiegato è altamente specializzato – spiega Flauto – e riteniamo che qualsiasi decisione in merito alla eventuale internalizzazione debba tenere conto di questi addetti impiegati ormai da tempo, anche in considerazione del fatto che allo stato attuale non ci risulta che l’organico del centro neurolesi sia in esubero. Pertanto si ritiene che probabilmente la struttura sanitaria vorrà procedere a nuove assunzioni attraverso un bando  pubblico e non si comprende la celerità con cui si sta affrontando questa vicenda posto che qualora l’ospedale dovesse  procedere a nuove assunzioni attraverso un bando pubblico si dovrà tenere conto dei tempi tecnici burocratici per la definizione dell’iter”.

In ogni caso – continua Flauto – considerato che il Bonino Pulejo ufficiosamente sembra stia informalmente rassicurando i lavoratori circa la loro garanzia attraverso una non ben identificata procedura, cosa che ci fa immensamente piacere, riteniamo che tutto ciò debba passare da un tavolo sindacale al quale partecipino tutti i soggetti preposti. Per questo abbiamo chiesto alla commissione Lavoro all’Ars , all’assessorato e anche al dirigente sanitario di convocare i sindacati e la società Pfe al fine di chiarire ufficialmente quali sono le garanzie che l’ente pubblico intende riconoscere ai 51 lavoratori già inseriti nella procedura di licenziamento collettivo”.

Quindi Flauto ribadisce la richiesta “a tutti i soggetti coinvolti di intervenire al fine di fare chiarezza sul futuro occupazionale di questi lavoratori e soprattutto di capire come il Bonino Pulejo intenda garantire l’espletamento dei servizi oggi svolti dalla Pfe dopo il 31 marzo, data in cui l’ospedale intende far cessare l’appalto. Si tratta di una questione di trasparenza degli atti amministrativi ed è dunque doveroso l’intervento della Regione siciliana anche attraverso il suo assessorato competente”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.