"Bonjour Casimiro": un esercizio di bella scrittura e surreali atmosfere | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la recensione

“Bonjour Casimiro”: un esercizio di bella scrittura e surreali atmosfere

di
15 Novembre 2021

Bonjour Casimiro”, il libro di Alberto Samonà edito da Rubbettino, che da pochi giorni fa bella mostra di sé nelle vetrine delle nostre librerie, è innanzitutto un esercizio, ben riuscito, di bella scrittura, e questo lo rende già di per sé apprezzabile, visto che la letteratura corrente fa spesso fatica a confrontarsi con le regole della lingua di Dante.

A renderlo pregevole è, inoltre, la perizia con cui, proprio servendosi di quella cifra di scrittura, l’autore è riuscito a costruire surreali atmosfere, popolate da entità fantastiche, nelle quali realtà e sogno appaiono divisi da confini estremamente labili e, perfino, inesistenti. Atmosfere che, ed è anche mia esperienza personale, provocano nel lettore evidenti emozioni e, financo, forti turbamenti.

Il libro è ambientato a Villa Piccolo (o Villa Vina dal nome del ruscello che la lambisce), un luogo particolarmente felice per la sua collocazione fisica; è una terrazza, che si affaccia sulla splendida distesa d’acqua del mare Tirreno, di fronte alla quale si stagliano netti i profili delle leggendarie isole Eolie. Un sito molto bello e particolarmente curato, immerso in una lussureggiante natura ma, anche, un luogo denso di ammalianti suggestioni che sembrano sfuggire alla logica corrente.

Sotto il profilo tecnico il testo si muove su registri narrativi diversi, a tratti infatti assume il rigore del saggio storico-antropologico con una ricostruzione viva e pulsante del mondo dei Piccolo di Calanovella, popolato di aristocratici di raffinata cultura che sembrano contraddire, con le loro sensibilizzazioni con i saperi universali, al tradizionale tanto rozzo che superbo isolazionismo siciliano, a tratti invece, quasi l’hibrys dello scrittore manifestasse insofferenza per i limiti imposti dalla fisicità, felicemente scantona nell’universo fantastico della pura invenzione letteraria, dove tutto è possibile, perfino sfuggire alle ferree leggi dello spazio e del tempo.

Questi, apparentemente, incomponibili registri narrativi si sviluppano su piani i quali, piuttosto che contrapporsi e rompere l’unità narrativa, si sovrappongono e si avvitano fra loro fino a rendere operazione sicuramente ardua lo sforzo di separare il reale dall’irreale, l’immaginario dal concreto, il vero dal falso. Dunque, una costruzione complessa, che vede al centro un incerto protagonista, Giulio -, appassionato cultore di scienze alchemiche – che talora si sdoppia e vive esperienze che infrangono le ferree leggi della ragione. Sperimenta la pluralità delle verità e la incompatibilità delle certezze al punto da dovere accettare il relativo, un relativismo ascetico, come unica via interpretativa possibile del vivere.

Non per niente alla fine si conviene, quasi come banale constatazione, che “le persone credono quel che vogliono credere e vedono quel che vogliono vedere”.  Un libro, dunque, molto complesso e interessante che consente all’autore di approfittare della eccentricità della storia dei Calanovella per comunicarci le sue colte riflessioni intellettuali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.