"Bonjour Casimiro": un esercizio di bella scrittura e surreali atmosfere | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la recensione

“Bonjour Casimiro”: un esercizio di bella scrittura e surreali atmosfere

di
15 Novembre 2021

Bonjour Casimiro”, il libro di Alberto Samonà edito da Rubbettino, che da pochi giorni fa bella mostra di sé nelle vetrine delle nostre librerie, è innanzitutto un esercizio, ben riuscito, di bella scrittura, e questo lo rende già di per sé apprezzabile, visto che la letteratura corrente fa spesso fatica a confrontarsi con le regole della lingua di Dante.

A renderlo pregevole è, inoltre, la perizia con cui, proprio servendosi di quella cifra di scrittura, l’autore è riuscito a costruire surreali atmosfere, popolate da entità fantastiche, nelle quali realtà e sogno appaiono divisi da confini estremamente labili e, perfino, inesistenti. Atmosfere che, ed è anche mia esperienza personale, provocano nel lettore evidenti emozioni e, financo, forti turbamenti.

Il libro è ambientato a Villa Piccolo (o Villa Vina dal nome del ruscello che la lambisce), un luogo particolarmente felice per la sua collocazione fisica; è una terrazza, che si affaccia sulla splendida distesa d’acqua del mare Tirreno, di fronte alla quale si stagliano netti i profili delle leggendarie isole Eolie. Un sito molto bello e particolarmente curato, immerso in una lussureggiante natura ma, anche, un luogo denso di ammalianti suggestioni che sembrano sfuggire alla logica corrente.

Sotto il profilo tecnico il testo si muove su registri narrativi diversi, a tratti infatti assume il rigore del saggio storico-antropologico con una ricostruzione viva e pulsante del mondo dei Piccolo di Calanovella, popolato di aristocratici di raffinata cultura che sembrano contraddire, con le loro sensibilizzazioni con i saperi universali, al tradizionale tanto rozzo che superbo isolazionismo siciliano, a tratti invece, quasi l’hibrys dello scrittore manifestasse insofferenza per i limiti imposti dalla fisicità, felicemente scantona nell’universo fantastico della pura invenzione letteraria, dove tutto è possibile, perfino sfuggire alle ferree leggi dello spazio e del tempo.

Questi, apparentemente, incomponibili registri narrativi si sviluppano su piani i quali, piuttosto che contrapporsi e rompere l’unità narrativa, si sovrappongono e si avvitano fra loro fino a rendere operazione sicuramente ardua lo sforzo di separare il reale dall’irreale, l’immaginario dal concreto, il vero dal falso. Dunque, una costruzione complessa, che vede al centro un incerto protagonista, Giulio -, appassionato cultore di scienze alchemiche – che talora si sdoppia e vive esperienze che infrangono le ferree leggi della ragione. Sperimenta la pluralità delle verità e la incompatibilità delle certezze al punto da dovere accettare il relativo, un relativismo ascetico, come unica via interpretativa possibile del vivere.

Non per niente alla fine si conviene, quasi come banale constatazione, che “le persone credono quel che vogliono credere e vedono quel che vogliono vedere”.  Un libro, dunque, molto complesso e interessante che consente all’autore di approfittare della eccentricità della storia dei Calanovella per comunicarci le sue colte riflessioni intellettuali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin