Bontempo torna in carcere, Antoci: "Segnale importante dalle Istituzioni" :ilSicilia.it
Messina

il boss della mafia era stato messo ai domiciliari per il covid

Bontempo torna in carcere, Antoci: “Segnale importante dalle Istituzioni”

di
1 Ottobre 2020

La DDA di Messina ha chiesto ed ottenuto l’inasprimento della misura cautelare per Bontempo Gino arrestato a seguito dell’operazione “Nebrodi” del 15 gennaio che ha portato in cella 94 soggetti e 151 aziende sequestrate per mafia.

L’operazione “Nebrodi” della DDA di Messina, con a capo il Procuratore Maurizio De Lucia, fra le più importanti eseguite in Sicilia, ha coinvolto tanti soggetti già pregiudicati per mafia e fra loro proprio Bontempo Gino considerato, nell’ordinanza, un vero padrino e definito come “Don Vito Corleone”.

Bontempo Gino, nel mese di maggio durante la pandemia Covid19, venne poi posto ai domiciliari per ragioni di salute e per tutto ciò era partito un duro attacco da parte dell’ex Presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, oggi Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto e scampato ad un attentato mafioso nel 2016, che ne chiedeva il ritorno in carcere.

“Adesso basta – aveva detto Antoci – occorre rivedere il provvedimento di scarcerazione. È un segnale devastante la sua permanenza a Tortorici. Lo Stato non può permettersi un tale sfregio a coloro che per anni hanno patito le vessazioni dei gruppi mafiosi. Occorre agire subito con la revisione dell’ordinanza”.

Intanto anche Giletti si occupa di Bontempo Gino prima citandolo in trasmissione tra i soggetti scarcerati e, nei giorni scorsi, inviando una troupe che va a trovarlo a casa.

Bontempo viene intervistato da Danilo Lupo, coraggioso giornalista della trasmissione “Non è l’Arena”, che trova Bontempo comodamente seduto fuori casa con il telefonino nelle mani e con aria serena e tranquilla. Una chiara violazione degli obblighi imposti dal Giudice. Una scena devastante per la credibilità dello Stato, occorreva necessariamente intervenire” – dichiara Antoci.

Antoci, ha ancora vive le parole pronunciate da alcuni militanti delle famiglie mafiose vicine ai Batanesi, di cui Bontempo Gino risulta nell’ordinanza chiaramente affiliato. I soggetti, come si evinceva da un’annotazione dei ROS, dicevano: “Ci vogliono 5 colpi per farla finita con Antoci“.

“Il mio grazie alla DDA di Messina e al Gip che, attraverso la riattivazione della custodia cautelare in carcere, hanno dato un grande segnale di rispetto nei confronti della tanta gente per bene che crede nelle Istituzioni, nella Legalità e nella Giustizia. Il mio grazie va anche a Massimo Giletti – continua Antoci – che attraverso la sua trasmissione ha consentito, in questi mesi, di far luce su vicende legate a scarcerazioni imbarazzanti ed ingiuste. Questo lavoro ha attirato su di lui l’ira dei mafiosi ed imposto alle Autorità di porlo sotto tutela. Anche questa è un’ingiustizia, mi auguro che presto Giletti possa tornare un uomo e un giornalista libero “– conclude Antoci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.